Raffaele Cantone lascia l'anticorruzione: potrebbe tornare a Torre Annunziata

La decisione arriva con un anno di anticipo rispetto alla scadenza del mandato

Salvini e Cantone, Ansa

Raffale Cantone lascia la carica di presidente dell'Autorità anticorruzione (l'Anac) per tornare a fare il magistrato. Secondo le indiscrezioni circolate nelle ultime ore, avrebbe già presentato richiesta al Csm per le sedi di Torre Annunziata, Perugia o Frosinone.

La decisione pare derivare soprattutto dalla mancanza di sintonia con l'attuale governo, in particolar modo con Giuseppe Conte , Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Anche la legge "anticorruzione" dell'esecutivo non ha mai convinto l'ex magistrato partenopeo.

"Mi sono sentito sopportato e siccome non sono uomo per tutte le stagioni ho meditato a lungo e poi ho capito che era arrivato il momento di tornare a fare il mio mestiere", sono le parole di Cantone, il cui mandato all'Anac sarebbe scaduto il 2020.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Eruzione Campi Flegrei, simulata l'evacuazione anche a Napoli

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • La migliore pizza fritta del mondo è di Melito: per celebrare il titolo pizze gratis per tutti

  • Raffica di controlli al Rione Sanità: centinaia di persone identificate

  • Un Posto al Sole, anticipazioni: pesanti le accuse per Diego

Torna su
NapoliToday è in caricamento