Manca numero legale, Iervolino: “Solo il Natale, no significato politico”

Ieri, per la trentesima volta dall'inizio dell'anno, è mancato il numero legale in consiglio comunale. Il sindaco non si preoccupa: "Solo il Natale, nessun significato politico". Dal PDCI e La Destra invece arrivano dure critiche all'operato del PD

Pronte le reazioni dopo “l'incidente” di ieri in consiglio comunanale. Il sindaco di Napoli, commenta la mancanza del numero legale così: “Solo il Natale, nessun significato politico”. Solo un problema legato alle festività dunque, ma ieri mattina all'appello della seduta, presieduta dal vicepresidente Vito Lupo (il presidente Leonardo Impegno era assente per motivi di salute), hanno risposto solo 24 consiglieri di maggioranza e la seduta è stata dichiarata deserta.
 

  Il sindaco è ancora ostaggio di una fazione del Partito Democratico  

I consiglieri comunali del PDCI  Antonio Fellico, Antonio Frattasi e Gaetano Sannino puntano il dito direttamente contro la Iervolino: “il sindaco è ancora ostaggio di una fazione del Partito Democratico. Costoro dettano ultimatum e proclami. A nulla sono valsi i buoni propositi, le dichiarazioni di tregua e di amicizia.”

"Salta ancora il numero legale in Consiglio comunale. Sette consiglieri del Pd sono risultati assenti all'appello della seduta odierna. E' una vicenda grave e vergognosa: ciò costituisce un grave vulnus alla vita democratica dell'assemblea cittadina e dimostra che la maggioranza di centro-sinistra è sempre più debole ed asfittica. In tale contesto - concludono - è auspicabile una svolta seria o non resta altra posizione quella di ridare la parola agli elettori".

Iil segretario provinciale de La Destra Maurizio Bruno parlando della rinvio della seduta del consiglio a Napoli per mancanza del numero legale: “E' inutile prolungare l'agonia di una gestione fallimentare che ha trascinato Napoli in una situazione di grave degrado sociale ed amministrativo, bisogna sciogliere il Consiglio e ed andare al più presto alle urne". Per Bruno è "la trentesima volta, dall'inizio della consiliatura, il numero legale in Consiglio comunale a Napoli, in una seduta che aveva all'ordine del giorno il piano strategico del Comune". "Con quella di oggi la percentuale delle sedute sciolte per mancanza del numero legale supera il 30% delle sedute convocate, un altro triste primato di cui vergognarsi della nostra Città afferma l'esponente del partito di Storace", conclude Bruno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Incidente sull'Asse Perimetrale, muore un giovane in scooter

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

Torna su
NapoliToday è in caricamento