Quarto, si dimette anche Nicolais: "Ma qui il Movimento 5 Stelle c'è ancora"

Rinuncia al suo incarico un altro membro del consiglio cittadino. Si tratta del quarto. "Sono stato eletto col 5 Stelle, questo sindaco è stato eletto col 5 Stelle, oggi sono evidentemente cambiate le condizioni"

Si dimette ancora un consigliere del Comune di Quarto. Si tratta del secondo oggi, stavolta del Movimento Cinque Stelle: si tratta del capogruppo Alessandro Nicolais, protagonista dello scambio di messaggi su WhatsApp con Roberto Fico al centro della polemica politica.

Nicolais spiega così le ragioni della sua decisione: "I motivi sono personali e riguardano tutto quanto accaduto in questi giorni. Sono stato eletto col 5 Stelle, questo sindaco è stato eletto col 5 Stelle, oggi sono evidentemente cambiate le condizioni e non mi è più possibile continuare. Questo simbolo era ed è un'opportunità per cambiare le cose, soprattutto in luoghi difficili come Quarto".

Nicolais poi ringrazia "chi mi ha dato questa occasione" spiegando di averla "colta facendo la mia parte, ora tocca ad altri. Le buone idee restano. A Quarto il Movimento 5 Stelle c'è".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Miano

      Incendio a Miano, un 75enne muore carbonizzato nel suo appartamento

    • Cronaca

      Tentata rapina finita nel sangue: 34enne in gravi condizioni

    • Cronaca

      Cardarelli, l'allarme: "In aumento l'afflusso di pazienti al pronto soccorso"

    • Incidenti stradali

      Centauro 18enne falciato da un'auto: è grave

    I più letti della settimana

    • Primo Maggio, concerto a Piazza Dante: l'iniziativa promossa da de Magistris

    • Sanità in Campania, dossier dei Verdi sulle coperture dei vuoti d'organico

    • Gomorra 3, il cimitero diventa set: è polemica

    • Poggioreale digitale: la IV Municipalità pronta con il restyling di 10 strade

    • "Collegare con una struttura il MANN alla Galleria Principe": l'idea

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento