Ruotolo: "Troppi morti per arresto cardiaco. Servono defibrillatori ovunque"

L’arresto cardiaco continua a colpire 65mila cittadini ogni anno, al ritmo di 200 al giorno

“Accelerare l'iter del disegno di legge 'defibrillatori ovunque' che sancisce la liberalizzazione e la diffusione d'installazione e utilizzo di queste apparecchiature salva vita oltre che su treni, aerei, bus, scuola e università anche nella pubblica amministrazione e nei luoghi di lavoro analogamente alla cassetta di primo soccorso”. È l'interrogazione presentata dal senatore Sandro Ruotolo (Gruppo Misto) e rivolta al Ministro della Salute Roberto Speranza affinché riparta in Parlamento l'iter legislativo in commissione Igiene e sanità di palazzo Madama interrotto bruscamente anche a causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Come rileva l'Associazione italiana Cuore e rianimazione 'Lorenzo Greco Onlus', e associazioni e professionisti, l’arresto cardiaco continua a colpire 65mila cittadini ogni anno, al ritmo di 200 al giorno sono sempre più tragiche le storie di persone che hanno perso la vita per improvvisi arresti cardiaci – spiega Ruotolo – Un elenco drammatico anche di giovani vite stroncate come quella di Melissa La Rocca appena 16 anni deceduta mentre seguiva le lezioni a scuola oppure Anna Modenese, 14 anni colpita da un malore improvviso mentre era al liceo e la storia di Raffaele Barresi, 17 anni accasciatosi e deceduto davanti ai suoi compagni”. “Il 30 luglio 2019 la Camera con il voto favorevole bipartisan ha approvato il ddl 'defibrillatori ovunque' si tratta di riprendere il cammino e approvare in modo definitivo la legge – evidenzia Ruotolo – la dotazione del defibrillatore è fondamentale e se tempestivamente usato per un arresto cardiaco oltre a salvare la vita, riduce anche le eventuali conseguenze patologiche permanenti sulla vita”. “Tutti dobbiamo avere la possibilità di salvare una vita - conclude Ruotolo - è auspicabile oltre alla ripresa dell'iter parlamentare anche la riduzione sugli stessi defibrillatori dell'Iva dal 22 al 5% alla stregua delle apparecchiature elettromedicale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

Torna su
NapoliToday è in caricamento