Mattarella: "Il ritardo digitale limita la libertà dei cittadini"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

"Il ritardo nell'accesso ai servizi digitali è un limite al concetto stesso di cittadinanza". Dal palco del Teatro San Carlo, per il simposio Cotec 2019, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella punta l'attenzione sulla trasformazione digitale che è in corso in Italia e nel resto del Mondo. 

Il Capo dello Stato ha incontrato il re di Spagna Filippo IV e il Presidente del Portogallo Marcelo Rebelo De Sousa, per discutere dello sviluppo digitale nell'area del Mediterraneo. Nel suo intervento, Mattarella si è concentrato in particolare sul ruolo della pubblica amministrazione: "De essere più accessibile e veloce - ha affermato - oggi siamo in una babele burocratica in cui gli enti non comunicano tra di loro. Ciò diventa un problema per la vivibilità dei cittadini e per l'accesso ai servizi". 

Il Presidente della Repubblica ha legato il ritardo digitale del Paese a un ritardo competitivo sia in termini economici che sociali: "E' paragonabile all'analfabetismo che caratterizzava il nostro Paese decenni addietro". Il Cotec è una fondazione che lavora per l'innovazione, in stretta collaborazione con fondazioni equivalenti in Spagna e Portogallo. Quello che si è tenuto a Napoli il 7 maggio 2019 è il 13esimo simposio Cotec. 

Potrebbe Interessarti

  • Loredana Simioli "canta" Scapricciatiello ai suoi funerali: l'omaggio del fratello Gianni | VIDEO

  • Tromba d'aria in spiaggia, panico tra i bagnanti: ci sono feriti|VIDEO

  • Temporale estivo su Napoli |VIDEO

  • Funerali Loredana Simioli: il ricordo di Cristina Donadio, Sal Da Vinci e Rosalia Porcaro | VIDEO

Torna su
NapoliToday è in caricamento