"Lavoratori comunali anziani e senza qualifiche": querelle sulla presunta lettera di de Magistris

Matteo Brambilla ha accusato il sindaco di usare parole offensive per descrivere i dipendenti del Comune in una lettera inviata al ministro Bongiorno

Il vicesindaco del Comune di Napoli, Enrico Panini, replica alle parole del consigliere del M5s, Matteo Brambilla che aveva accusato il sindaco di usare parole offensive per descrivere i dipendenti del Comune di Napoli in una lettera inviata al Ministro Bongiorno. Nella lettera de Magistris avrebbe chiesto al ministro la proroga delle graduatorie del concorso Ripam in scadenza il 31 dicembre 2018 adducendo tra le motivazioni della richiesta l'elevata età del personale comunale e l'assenza di qualifiche. La replica del vicesindaco Panini: "Nella lettera non si esprime affatto un giudizio negativo sui nostri dipendenti ma si esprime una valutazione sui profili e non sulle persone che tutti i giorni svolgono un lavoro enorme per e con questa amministrazione. La storia personale del sindaco de Magistris lo ha sempre visto al fianco dei lavoratori in tutte le vertenze e in tutti gli incontri. Siamo davanti a una strumentalizzazione".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

Torna su
NapoliToday è in caricamento