Sgombero campo rom Giugliano, caso in Parlamento: "Tutti in strada, c'è anche neonata di un mese"

Un'interrogazione è stata firmata dalla senatrice Paola Nugnes e un'interpellanza urgente firmata dalla deputata Doriana Sarli, entrambe del Movimento 5 Stelle

Immagine d'archivio

È arrivato in Parlamento il caso del campo nomadi di Giugliano. Un'interrogazione è stata firmata dalla senatrice Paola Nugnes e un'interpellanza urgente firmata dalla deputata Doriana Sarli, entrambe del Movimento 5 Stelle.

La richiesta al Governo è di azioni concrete e d'integrazione nei riguardi del popolo rom, nonché di tracciare i fondi spesi per l'inclusione.

La vicenda nasce dallo sgombero del campo Rom di via Vaticale a Giugliano, avvenuto lo scorso 10 maggio. Nell'occasione, circa 450 persone sono state allontanate e lasciate senza casa. Vivono adesso in automobili in zona.

“Quasi la metà sono bambini al di sotto dei 12 anni che vivono, ormai da settimane, senza acqua né energia elettrica, in un gravissimo stato di degrado e di abbandono – spiega Sarli – Mancano i servizi essenziali e il Comune di Giugliano, ad oggi, li ha forniti solo di sei bagni chimici. E' una condizione insostenibile per qualsiasi essere umano".

Sgomberati dal campo rom: "È emergenza sanitaria"

"La bimba più piccola è nata da circa un mese e, dalla nascita, dorme nel cofano di un'auto sotto il sole e la pioggia – ha aggiunto Nugnes – Lo sgombero è stato effettuato senza nessuno avesse proposto soluzioni alternative".

Tre famiglie hanno, attraverso dei legali e le associazioni 21 luglio ed European Roma rights center, hanno presentato ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo. "Ad oggi la situazione permane nella sua gravità – ha concluso la Nugnes – nonostante la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo abbia sancito che lo Stato Italiano ha il dovere di trovare alloggi adeguati per gli abitanti del campo".

Un'altra interrogazione è stata presentata anche in consiglio regionale dal consigliere Vincenzo Viglione. In essa è richiesto alla Regione di trovare una soluzione temporanea alle famiglie coinvolte.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

Torna su
NapoliToday è in caricamento