Processo Cosentino, al via la prima udienza: imputato in aula

A Santa Maria Capua Vetere il processo per concorso esterno in associazione camorristica all'ex sottosegretario e coordinatore regionale del Pdl, accusato di essere referente del clan dei Casalesi

Il 10 marzo tanto atteso è arrivato. Nicola Cosentino, coordinatore campano del Pdl ed ex sottosegretario all'Economia, si è presentato questa mattina in aula a S. Maria Capua Vetere per la prima udienza del processo a suo carico per presunte collusioni con il clan dei Casalesi. 

Rispondendo alle domande dei tanti giornalisti presenti, Cosentino ha fatto sapere di non sentirsi un perseguitato. "Sono fiducioso nella magistratura e parteciperò con assoluta serenità al processo". Le udienze, per richiesta dello stesso imputato, saranno fissate quasi tutte di lunedì proprio per permettere a Cosentino di sottrarsi più facilmente ai lavori parlamentari ed essere presente in aula.

Ieri, intanto, la conferma: Sinistra Ecologia Libertà della Campania ha deciso di costituirsi parte civile al processo Cosentino. Come hanno spiegato Arturo Scotto e Dino Di Palma, coordinatore e presidente Sel Campania: "Sappiamo che si tratta di un atto politico inedito nella storia dei partiti politici, ma ci sentiamo parte lesa perché il processo Cosentino è l'autobiografia del patto tacito tra imprenditoria, criminalità organizzata e politica al fine di influenzare l'andamento elettorale e praticare il voto di scambio".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

Torna su
NapoliToday è in caricamento