De Luca sull'inchiesta rifiuti: «Sceneggiature impensabili»

«A qualche giornalista dico stai sereno e misuriamo le parole oggi, per non fare brutte figure domani»

(foto Ansa)

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca torna sull'inchiesta sullo smaltimento dei rifiuti della procura di Napoli, avviata grazie al lavoro di Fanpage.it, in cui risulta indagato il figlio Roberto. Lo fa “in casa” nel consueto appuntamento su Lira Tv e se la prende col “modus operandi” dei giornalisti. «A qualche giornalista dico stai sereno e misuriamo le parole oggi, per non fare brutte figure domani».

Un attacco alla stampa che sta bersagliando sia lui che il figlio assessore al bilancio al comune di Salerno. «Abbiamo assistito a sceneggiature impensabili, con camorristi assoldati per fare grandi operazioni di intelligence. Mi ricorda il clima di due anni e mezzo fa quando, alla vigilia della campagna elettorale per le Regionali, venne fuori la lista degli impresentabili, nella quale io avevo un ruolo d'onore tra malfattori e delinquenti». Si difende così De Luca da quello che ritiene un attacco mirato in piena campagna elettorale. Poi la frase di rito: «Massima fiducia nella magistratura».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento