Consiglio Comunale, revocata la cittadinanza al generale Cialdini

Cialdini si rese responsabile del massacro della popolazione civile di Pontelandolfo e di Casalduni il 14 agosto 1861

"La storia sta tornando al suo posto. Vittoria Storica per le nostre istanze. Revoca della cittadinanza napoletana onoraria al carnefice Cialdini. Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, compie una atto storico. E' indubbiamente una vittoria simbolica, ma il rivolo delle nostre idee si sta piano piano ingrossando. Noi crediamo FERMAMENTE che il risveglio del Nostro Orgoglio diventerà presto un fiume in piena", è il commento di Mo-Unione Mediterranea, riguardo la decisione del Consiglio Comunale di revocare la cittadinanza onoraria di Napoli al generale piemontese Enrico Cialdini, conferitagli il 21 Febbraio del 1861 dall'allora sindaco Giuseppe Colonna, in seguito all'assedio di Gaeta che decretava l'ultimo episodio di conquista delle Due Sicilie dopo l'invasione sabauda del 1860.

Cialdini si rese responsabile del massacro della popolazione civile di Pontelandolfo e di Casalduni il 14 agosto 1861.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

Notizie di oggi

  • Cultura

    I turisti promuovono Napoli: tutti in coda per i musei con il sorriso

  • Cronaca

    Esplode la colonna fecale: inondati i corridoi del Loreto Mare

  • Incidenti stradali

    Tragico incidente stradale, muore travolto da un'automobile

  • Cronaca

    Secondigliano, a fuoco tre auto parcheggiate in strada

I più letti della settimana

  • Compravendita senatori, prescrizione per Silvio Berlusconi e Lavitola

  • Primo Maggio, concerto a Piazza Dante: l'iniziativa promossa da de Magistris

  • Sanità in Campania, dossier dei Verdi sulle coperture dei vuoti d'organico

  • Delrio: "A giugno l'apertura della stazione alta velocità di Afragola"

  • Festival di Pontida, arriva l'autorizzazione: il plauso di de Magistris

  • Poggioreale digitale: la IV Municipalità pronta con il restyling di 10 strade

Torna su
NapoliToday è in caricamento