De Magistris: "Pronti ad accogliere i 311 migranti di Open Arms"

Duro attacco a Salvini. "Verremo a prendervi noi – scrive il movimento demA – poi vedremo se Salvini e Toninelli avranno il coraggio di fermarci". La nave ha poi ricevuto l'autorizzazione per lo sbarco da Madrid

Open Arms, Ansa

"Pronti ad accogliere i 311 migranti sopravvissuti grazie ai soccorritori di Open Arms, il porto di Napoli è e sarà sempre aperto per salvare vite umane": così i vertici di demA, il movimento politico del sindaco di Napoli Luigi de Magistris, in una nota, che arriva in risposta all'appello lanciato su Twitter dall'ong spagnola Proactiva.

Sono stati proprio gli spagnoli a strappare da morte certa centinaia di migranti a bordo di tre navi a rischio naufragio nel Mediterraneo.

Malta ha rifiutato l'attracco a Open Arms, in cerca di un approdo. "Il Ministro dell'Insicurezza – sostiene ancora demA in riferimento a Matteo Salvini – tenta di distogliere l'opinione pubblica dalla catastrofe politica della Legge di Bilancio che non c'è, e torna a parlare di trafficanti di essere umani, rispolverando il suo vocabolario xenofobo. È giunto il momento di disubbidire a questo razzismo di Stato, di non girarsi dall'altra parte e divenire complici di questa barbarie".

"È per questo – è la conclusione della nota – che diciamo ai volontari della Open Arms: avvicinatevi pure alle nostre acque territoriali, verremo a prendervi noi, poi vedremo se Salvini e Toninelli avranno il coraggio di fermarci". Alla fine alla nave è stato dato via libera per lo sbarco in Spagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Brusco calo termico anche al Sud, arriva il freddo invernale

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

Torna su
NapoliToday è in caricamento