De Magistris: "Contrario alle chiusure alle 23, riaprirò tutto h24"

Il sindaco di Napoli attacca la filosofia delle ordinanze regionali anti-Covid: "Non dobbiamo contingentare gli orari, le persone devono distribuirsi, devono uscire". E sull'emergenza: "Rendere i sindaci amministratori di condominio è stato eversivo"

Luigi de Magistris

"Sono completamente contrario alla chiusura anticipata". Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris a proposito dello stop - stabilito da un'ordinanza della Regione Campania ed attualmente in vigore - alle ore 23 per i cosiddetti 'locali della movida',

Il primo cittadino è intervenuto alla trasmissione 'Centocittà' su Radio1. De Magistris è contro questa filosofia che le ordinanze regionali stanno portando avanti. "Sono i sindaci che devono regolamentare le città", spiega il numero uno di Palazzo San Giacomo, secondo il quale con le limitazioni di orario o con la chiusura di alcune strade "la gente non scompare, ma succede esattamente il contrario. Noi dobbiamo aprire tutto ed è quello che farò io a Napoli, aprirò tutto h24: parchi, strade, metteremo una piattaforma di legno sulle scogliere. Non dobbiamo contingentare gli orari, le persone devono distribuirsi, devono uscire, avere la mascherina, stare attenti e non fare assembramenti, ma devono ricominciare a godersi la natura, la città e a rimettere in moto l'economia. Bisogna tornare a vivere con tutte le precauzioni possibili".

La richiesta al Governo: "Immetta liquidità o sarà la malavita a farlo"

"Disegno eversivo renderci amministratori di condominio"

"Ridurre i sindaci a fare gli amministratori di condominio viola la Costituzione, questo è un disegno eversivo dell'ordine costituzionale ed è un fatto democratico molto serio", ha insistito Luigi de Magistris. "Il modo di procedere con le ordinanze regionali è sbagliato - ha aggiunto de Magistris - sono i sindaci che devono regolamentare. Il Governo ha fatto un errore politico clamoroso, quello di abbandonare i sindaci. Ci hanno vietato di fare ordinanze sanitarie, ora ci vietano anche di regolamentare le città, di avere la nostra visione. Come riparte l'Italia così? Dev'essere il sindaco di Milano a decidere come far ripartire Milano, così come i sindaci di Roma e Napoli. Io mi prenderò comunque gli spazi perché non farò morire la mia città per l'insipienza, l'inconcludenza e l'inadeguatezza di chi in questo momento dal Governo nazionale e regionale vuole decidere delle nostre vite".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il mio sostegno politico a De Luca è impensabile"

De Magistris ha parlato anche delle future elezioni regionali. "Non è nell'ordine naturale delle cose che io possa sostenere politicamente una candidatura di Vincenzo De Luca, è impensabile", ha spiegato. "Io non sto in campagna elettorale - ha aggiunto ancora il sindaco - a differenza di altri che fanno campagna elettorale sui morti, sui pazienti in ospedale e su un Paese in pandemia sociale ed economica. Io mi devo occupare di una città complessa, complicata ma piena di energia, che vuole ripartire. Questo devono fare oggi Governo nazionale, governo regionale e i sindaci. Purtroppo è cominciata la campagna elettorale, ma io in questo momento faccio il sindaco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

Torna su
NapoliToday è in caricamento