Crollo Pompei, il sindaco D'Alessio: lo Stato tuteli il patrimonio archeologico

In una lettera le perplessità sulla privatizzazione dell'area archeologica di Pompei. "Si faccia presto e si cominci a lavorare, tutti insieme, per garantire un futuro di conservazione agli scavi"

Una lettera alle più alte cariche dello Stato per sollecitare un intervento "con la dovuta urgenza del caso, per elaborare ed attuare iniziative di tutela e conservazione del grande patrimonio archeologico dell'umanità".

Questa l'iniziativa intrapresa dal sindaco di Pompei Claudio D'Alessio a seguito del grave episodio relativo al crollo della Casa dei Gladiatori avvenuto sabato scorso. Dunque, una nuova voce dal mondo politico dopo le numerose dichiarazioni di ieri che mettevano il ministro Bondi sotto accusa.

Il testo della lettera:

II crollo della Casa dei Gladiatori, avvenuto nei giorni scorsi negli scavi archeologici pompeiani, ha provocato una perdita gravissima per il Patrimonio Culturale della Città di Pompei. Da tutto il mondo ci giungono commenti che deplorano la gravità di quanto accaduto e la preoccupazione per la capacità che I'ltalia ha di conservare le testimonianze universali della propria storia, con evidenti e gravi ripercussioni sull'immagine della città e sull'economia turistica.

Condividendo la preoccupazione e lo sgomento del Presidente della Repubblica per le sorti del patrimonio archeologico pompeiano, si fa appello alle più Alte Cariche della Stato perchè si intervenga con la dovuta urgenza del caso per elaborare ed attuare iniziative di tutela e conservazione del grande patrimonio archeologico dell'umanità. Apprendendo I'avvio di una fase di privatizzazione annunciata ieri dal Ministro, su cui molte cose vanno chiarite, riteniamo intanto necessario il ripristino delle condizioni di funzionalità, operatività e prestigio delle Istituzioni attualmente preposte alla tutela, per I'avvio di un organico e duraturo progetto di salvaguardia degli scavi di Pompei.

Si dichiara la totale disponibilità da parte dell'lstituzione Comune di Pompei ad ogni forma di costruttiva collaborazione, necessaria per predisporre, al fianco delle preposte Istituzioni della Stato, politiche condivise di gestione e valorizzazione del sito archeologico che garantiscano al territorio opportunità di lavoro e di crescita culturale. II Consiglio Comunale, il Sindaco e I'Amministrazione Comunale tutta, rivolgono un appello accorato al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio dei Ministri e ai Presidenti del Senato e della Camera dei Deputati perchè si faccia presto e si cominci a lavorare, tutti insieme, per garantire un futuro di conservazione agli scavi di Pompei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento forte e temporali in arrivo sulla Campania: nuova allerta meteo

  • Venti forti e temporali su Napoli e provincia, prorogata l'allerta meteo

  • Pioggia e temporali su Napoli e Campania: allerta meteo "gialla"

  • Cinzia Paglini è tornata a casa: lieto fine per l'artista napoletana

  • Mammografia e pap-test gratuiti e senza impegnativa a Napoli: ecco dove

  • Allerta meteo e scuole chiuse: le ragioni e le possibili soluzioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento