Cooperativa Dedalus, documento su diritti degli immigrati

Una delegazione della Cooperativa Sociale Dedalus è stata ricevuta dal sindaco Iervolino. È stato consegnato un documento sui diritti degli immigrati condiviso dal sindaco. Azione di volantinaggio a piazza Trieste e Trento sul tema

Oggi a Palazzo San Giacomo i diritti degli immigrati sono balzati all'ordine del giorno attraverso un'iniziativa della Cooperativa sociale Dedalus.

Una delegazione della cooperativa è stata ricevuta dal sindaco Iervolino e, proprio il tema dei diritti, è stato il fulcro dell'incontro. Alcuni membri hanno consegnato al primo cittadino un documento, così come se ne dà comunicazione in una nota, in cui si puntualizzano i diritti dei migranti riconosciuti dalla nostra Costituzione e presenti anche nei più importanti documenti internazionali a partire dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo.

La Cooperativa Sociale Dedalus, costituita da economisti, sociologi e operatori sociali, dal 1986 si  si dedica con particolare interesse alle problematiche legate ai flussi migratori, con attività di studio e ricerca sull'inserimento dei lavoratori immigrati nel contesto locale; progettando forme di intervento volte a migliorare le condizioni socio-economiche dei lavoratori extracomunitari e delle loro famiglie.

Oggi con la consegna del documento si "richiama in particolare l'articolo 3 e, dopo aver affermato l'uguaglianza dinanzi alla legge di tutti i cittadini senza distinzione, tra l'altro di razza lingua e religione, impegna la Repubblica ad attuare questo principio che invece viene contraddetto dalle norme che introducono il reato di clandestinità".

Il sindaco, sottolinea la nota, ha condiviso la posizione della cooperativa Dedalus che oggi, con una pacifica azione di volantinaggio a piazza Trieste e Trento, cercherà di sensibilizzare i cittadini a questa problematica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

Torna su
NapoliToday è in caricamento