Stanislao Lanzotti sulla convenzione con il calcio Napoli

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

"L'assessore Borriello doveva essere il garante della convenzione voluta e votata, anche dopo con una importante sofferenza, dal consiglio comunale di Napoli nel pieno svolgimento delle sue funzioni. Il sostanziale commissariamento dell'assessorato da parte del sindaco de Magistris, che ha ritenuto affidare esclusivamente al direttore generale i rapporti con il Calcio Napoli, mortifica l'assessore e per esso anche il Consiglio comunale tutto. Se l'assessore non ha quel minimo di autorità per difendere lo svolgimento delle sue funzioni primarie, rassegni oggi stesso le dimissioni per evitare almeno il ridicolo alla istituzione che rappresenta. Gli incontri all'Hotel Vesuvio, peraltro dai contenuti sconosciuti fanno parte di una interpretazione neomelodica della politica e dell'amministrazione lontana dal nostro modo di intendere la gestione pubblica. Il Consiglio comunale e la giunta sono sovrani su questa materia, se c'è qualcosa da approfondire lo si faccia nelle sedi opportune: commissioni consiliari, consiglio comunale, assessorati. Basta "tarantelle".

Torna su
NapoliToday è in caricamento