Nuovi alloggi per centinaia di famiglie a Scampia, de Magistris: "Tre Vele saranno abbattute"

Sono stati consegnati i nuovi alloggi negli insediamenti di via Labriola, via Gobetti e Piazza della Socialità ai residenti delle Vele

Addio alle Vele di Scampia per più di 100 famiglie (Foto Face)

Sono stati consegnati i nuovi alloggi negli insediamenti di via Labriola, via Gobetti e Piazza della Socialità ai residenti delle Vele. Le operazioni sono state avviate con i primi nuclei familiari delle Vele che, al ritmo di 6-7 al giorno, si trasferiranno all'interno dei nuovi alloggi, secondo un calendario di 19 giorni che prevede l’assegnazione dei primi 115 appartamenti.

"Ieri è stata una giornata storica per Napoli. Superando mille difficoltà, grazie alla nostra forte determinazione e insieme al Comitato degli abitanti delle Vele di Scampia, è cominciato il countdown che porterà all'abbattimento delle 'Vele' di Scampia a Napoli, i 'palazzoni' del post-terremoto diventate nel mondo simbolo di degrado e malavita. Tre delle “vele” di Scampia saranno abbattute e la quarta sarà trasformata in un comprensorio di uffici pubblici tra cui la sede della Città metropolitana. Scampia da periferia a centro della città metropolitana. Il primo abbattimento è previsto per il 2017. Il passaggio nelle nuove case - belle e funzionali - avverrà a gruppi di 6-7 nuclei familiari con un calendario di 19 giorni che prevede l'assegnazione dei primi 115 appartamenti. In pochi giorni 1000 persone vivranno in abitazioni degne, funzionali, belle. Quasi 200 abitazioni. Che emozione! Restituiamo dignità a chi è stato mortificato per decenni da una politica disumana e scellerata. Quanta umanità abbiamo conosciuto in quei luoghi in questi anni. Periferia materiale, ma centralità esistenziale. Un'altra pagina di riscatto. Grazie a tutti e avanti tutta", scrive su Facebook de Magistris.

VELE, LE REAZIONI DI COLORO CHE SI SONO TRASFERITI NEI NUOVI ALLOGGI: VIDEO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

Torna su
NapoliToday è in caricamento