Cimiteri di Barra, Pianura e Soccavo: parte il progetto di ampliamento

Firmato il contratto che regola l'affidamento in concessione della progettazione delle nuove sepolture. Si prevedeno 2000 fosse e 5000 loculi

Forse non saranno state le proteste al Cimitero delle Fontanelle, ma di fatto, è partito l'ampliamento dei cimiteri di Barra, Pianura e Soccavo.

E' stato firmato, infatti, il contratto che regola l'affidamento in concessione della progettazione, costruzione e gestione delle nuove sepolture.
Per la prima volta la concessione, che vede investimenti solo da parte dei privati, affida al concessionario il compito di realizzare e manutenere le aree di ampliamento per i prossimi 15 anni.

In questo caso saranno predisposti anche progetti e attività espropriative, qualora ciò dovesse essere necessario per realizzare le opere previste. Ciò comprende quindi anche edicole, monumenti e cappelle, che verranno poi vendute ai cittadini a prezzi già stabiliti dal Consiglio Comunale.
In questa iniziativa, sarà data priorità a tutte quelle opere che non hanno necessità di procedure espropriative in quanto già in possesso dell'Amministrazione comunale.

"Gli interventi previsti forniranno una risposta concreta alla limitata disponibilità di fosse e loculi che rappresentano, per i napoletani, ancora la scelta privilegiata per i propri defunti", osserva l'Assessore ai Cimiteri Paolo Giacomelli e aggiunge: "ho sollecitato gli uffici competenti affinchè nei prossimi giorni sia completata anche la gara per l'ampliamento degli altri tre cimiteri periferici di Chiaiano, Miano e S. Giovanni, dove si prevede la realizzazione di altre 2.000 fosse di interro e 5.000 loculi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento forte e temporali in arrivo sulla Campania: nuova allerta meteo

  • Venti forti e temporali su Napoli e provincia, prorogata l'allerta meteo

  • Allerta meteo e scuole chiuse: le ragioni e le possibili soluzioni

  • Cinzia Paglini è tornata a casa: lieto fine per l'artista napoletana

  • Allerta meteo per forte vento, scuole chiuse a Napoli il 12 novembre

  • Maltempo, via Imbriani chiusa: crolla un cornicione

Torna su
NapoliToday è in caricamento