Canili irregolari: Salvini stanzia un milione di euro per scovarli

Alla Campania andranno quasi 150mila euro per la tutela di cani e gatti

Un milione di euro per scovare canili e gattili irregolari. È lo stanziamento messo a disposizione dal Viminale per passare al setaccio le strutture nelle nove regioni italiani con la maggiore concentrazione di ricoveri per amici a quattro zampe. In particolare, per la Campania arriveranno 145.223 euro (le strutture per cani e gatti sono 114). Le prefetture si coordineranno con gli enti locali (a partire dalla Regione): i fondi potranno essere investiti anche per assumere agenti della Polizia Locale a tempo determinato, per coprire le spese di lavoro straordinario degli agenti o per acquistare mezzi e attrezzature ad hoc.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole di Salvini 

“Sono orgoglioso di questa iniziativa, che per il Viminale è una novità assoluta. In Italia ci sono strutture regolari e di eccellenza che accudiscono gli animali nel migliore dei modi, ma purtroppo ci sono realtà illegali che vanno scoperte e chiuse. Chi maltratta gli animali va punito duramente” queste le parole del ministro Salvini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

Torna su
NapoliToday è in caricamento