Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

I Ministri 5 Stelle a Caivano: "Sequestro del patrimonio per chi inquina"

 

Un bagno di folla al termine di una giornata intensa. Dopo l'appuntamento istituzionale, in Prefettura a Caserta, per la firma del protocollo per la Terra dei fuochi, i ministri 5 Stelle, preceduti dai consiglieri regionali, hanno scelto Caivano per chiudere la loro tappa campana. 

Sergio Costa, Alfonso Bonafede, Barbara Lezzi e Luigi Di Maio, sono stati quattro i membri dell'Esecutivo a salire sul palco della Villa Falcone-Borsellino, davanti a centinaia di sostenitori del Movimento. Questa volta, non è mancata qualche voce critica e fuori dal coro. Ci sono state tre brevi contestazioni da parte di alcuni critici presenti nel pubblico, zittiti e allontanati senza troppe cerimonie dai pro-5 Stelle. 

Sergio Costa, ministro con delega all'Ambiente, ha spiegato ai cittadini di Caivano, in che cosa consiste il protocollo per la Terra dei fuochi: "Monitoraggi continui, esercito per presidiare i siti sensibili, più carabinieri per le attività di investigazione. Inoltre, a gennaio depositeremo la legge 'Terra mia' con la quale sequestreremo i beni di chi inquina". 

Gli fa eco Alfonso Bonafede, ministro di Grazia e Giustizia: "Stiamo equiparando la corruzione ai reati di mafia. Perché la corruzione è grave e ha rovinato questo paese". Barbara Lezzi, ministro del Sud, ha confermato la posizione anti-termovalorizzatori del Movimento: "Sappiamo a chi convengono gli inceneritori. Noi dobbiamo puntare sul ciclo integrato e virtuoso dei rifiuti". 

La chiusura è affidata a Luigi Di Maio, ministro dello Sviluppo economico e leader politico dei pentastellati. Il vicepremier comincia con la contraffazione: "La combatterò perché le fabbriche abusive sono la prima causa dei problemi della terra dei fuochi". Dopo aver placato un cittadino che gli chiedeva conto del 'condono-Ischia', Di Maio ha proseguito con le pensioni: "Con quota 100 avremo 600mila posti di lavoro in più perché le aziende dovranno rimpiazzare chi sarà andato in pensione. E i giovani avranno la possibilità di formarsi con il decreto di cittadinanza". 

Al termine dell'incontro, i cittadini intervistati si sono detti soddisfatti delle parole dei ministri, ribadendo che ora le aspettative sul Governo sono altissime e che vorranno vedere i risultati di quanto promesso al più presto. 

Potrebbe Interessarti

  • Tina Colombo rigoverna la cucina, Tony: "E' la mia Cenerentola"

  • Tina Colombo mostra il suo yacht ai fan: "Eccovi accontentati"

  • "Agostino 'o pazzo", il motociclista acrobatico che mise in scacco la polizia napoletana

  • Evasione dal carcere di Poggioreale, il video

Torna su
NapoliToday è in caricamento