Domenica Live sugli attentati di Parigi, attacchi alla D'Urso: "Inadeguata per questi temi"

Tweet, nel corso della trasmissione, del forzista Paolo Romani. Sulla conduttrice napoletana diventa scontro politico: con lei si schierano la Santanché e Salvini

Barbara D'Urso

La domenica televisiva all'insegna del dibattito sulla tragedia di Parigi non poteva non scatenare polemiche. Su tutte, l'attacco di Paolo Romani, capogruppo di Forza Italia al Senato, alla conduttrice Barbara D'Urso ed al suo “Domenica Live”.

“D’Urso sei inadeguata e insopportabile. Occupati di amori, canti, balli e pettegolezzi, non di problemi seri. Dov’è il direttore di Canale 5?”, ha scritto il forzista su Twitter mentre andava in onda la trasmissione. Nel programma, il dibattito sugli attentati veniva intervallato da interviste a testimoni, parenti delle vittime e al ministro dell’Interno Angelino Alfano.

A Romani ed a molti altri utenti social non è piaciuto che fosse proprio la D'Urso a trattare l'argomento. Così come altri si sono invece schierati dalla sua parte, tra i quali anche Daniela Santanchè (che ha scritto "Io sto con #barbaradurso") e Matteo Salvini: “Triste che la politica si preoccupi di attaccare conduttori televisivi”.

Chiamato in causa dal politico, il direttore di Videonews Paolo Brachino è quindi intervenuto a chiudere la polemica. “Non concordo con alcune opinioni espresse da D’Urso, che appartengono alla sua libertà espressiva, ma non coincidono con la linea editoriale e politica della testata che dirigo. Non sono neanche d’accordo con quelli che, con un giudizio tribale e immediato, vogliono togliere alla D’Urso la patente di agibilità, quella televisiva. La patente la rilascia sempre e soltanto l’editore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus a Napoli, caso sospetto al Pellegrini: ricoverato cittadino cinese

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Coronavirus cinese: le istruzioni del Ministero della Salute

  • Allarme Coronavirus: i medici napoletani chiamati all'aeroporto di Fiumicino

  • Allarme coronavirus, Verdoliva: "Dovesse arrivare qui lo affronteremmo"

Torna su
NapoliToday è in caricamento