Bagnoli, punto sulla situazione: il commento di Carlo Iannello

L'intervento sui recenti sviluppi di Carlo Iannello, ex consigliere comunale ed ex presidente in Consiglio della commissione urbanistica, da sempre particolarmente attento alla vicenda del quartiere flegreo

Bagnoli è al centro della discussione politica cittadina, e non solo, delle ultime settimane. L'accordo siglato dal Comune con Regione e Governo, i malumori dei comitati, un Consiglio comunale sul tema andato deserto, sono le ultime tappe della storia di una riqualificazione che si trascina da più di vent'anni.

Riportiamo di seguito, sul tema, un intervento di Carlo Iannello, ex consigliere comunale ed ex presidente in Consiglio della commissione urbanistica, da sempre particolarmente attento alla vicenda del quartiere flegreo.

Nella discussione su Bagnoli occorrerebbe far prevalere il merito delle questioni piuttosto che un misero interesse di bottega, contingente e transeunte. Gli attori politici passano, velocemente, Bagnoli invece è sempre lì, nella sua desolazione, a testimoniarci il fallimento di un'intera classe dirigente, nazionale e locale, della politica come dell'imprenditoria, pubblica e privata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se Governo, Regione e Comune riconoscono che gli indirizzi generali contenuti nella variante del 1996 sono la soluzione per Bagnoli, chi ha sempre combattuto, in solitudine, per la sua attuazione, non può che manifestare soddisfazione. Che la decisione provenga dal Governo Renzi, Gentiloni, De Luca o De Magistris, è questione di secondaria importanza. Prima di ogni cosa viene il merito delle questioni. Non dobbiamo, infatti, mai dimenticare il degrado del dibattito pubblico che da due decenni accompagna la questione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Coronavirus, il bel gesto del portiere napoletano Sepe: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

Torna su
NapoliToday è in caricamento