Atitech, il Comune di Napoli chiede un tavolo regionale su crisi azienda

L'assessore al Lavoro del Comune di Napoli Enrico Panini esprime preoccupazione sulla vicenda

“Dalle informazioni che riceviamo la situazione di Atitech Napoli desta profonda preoccupazione. L'incorporazione del ramo di azienda già detenuto da Finmeccanica, operazione “grazie” alla quale Napoli ha perso un pezzo di industria aeronautica importante a favore di Torino, segna il passo, non si intravvedono nuove commesse e da oggi i lavoratori di Atitech Manufacturing sono in cassa integrazione". Queste le parole dell'assessore al Lavoro del Comune di Napoli Enrico Panini sulla vicenda Atitech.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le difficoltà di Alitalia, nel contempo potrebbero diventare la ragione per un'ulteriore stretta sugli organici aziendali più direttamente legati alla manutenzione degli areomobili. Siamo di fronte ad una svolta drammatica dell'operazione cessione di ramo d'azienda, un'operazione che non ci ha mai convinto, a partire dall'impoverimento professionale e dallo sperpero di risorse che inevitabilmente si sarebbero prodotti, e ad una possibile ulteriore difficoltà più complessiva di un'azienda che ha una significativa quantità di lavoratori in cassa integrazione. E' necessario che la Regione Campania convochi urgentemente le parti per affrontare questa pesante crisi aziendale”, conclude Panini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento