Elezioni, Manzi (PD): "Non si scende a patti con gli estremisti"

I programmi del sindaco di Casamarciano, candidato alla Camera nel collegio di Nola per il Partito Democratico. "Offrire serie e costanti alternativi ai giovani del Sud, puntare su istruzione e formazione"

Andrea Manzi, 58 anni, avvocato, sposato e padre di due figli. È sindaco di Casamarciano e presidente dell’Ato 3 rifiuti della provincia di Napoli. 

Perché votare PD?

"Votare Partito democratico è una risposta contro i populismi ed una alternativa a chi in venti anni di governo ha solo dilaniato il Paese. Una scelta di campo: da un lato gli estremismi, dall’altro un partito responsabile e che nell’ultimo lustro ha portato avanti riforme essenziali. Nel Collegio uninominale di Nola, il voto Pd è anche altro: significa scegliere un uomo del territorio, un sindaco che conosce il Nolano ed il Vesuviano ed ama queste comunità, e non l’ennesimo politico avulso dal territorio". 

La vostra ricetta per rilanciare l'occupazione - in particolar modo al sud. 

"Contro la disoccupazione la prima ricetta riguarda la scuola. Tra la fine dell’obbligo scolastico e l’inizio del lavoro spesso passa troppo tempo. Bisogna investire e tanto sull’istruzione secondaria professionalizzante. Vanno inoltre forniti incentivi per i corsi di formazione. Per gli imprenditori, la ricetta sta nella riduzione del costo del lavoro". 

Questione violenza giovanile a Napoli e sicurezza in generale: quali sono i vostri programmi in merito? 

"Puntiamo sull’istruzione, sul lavoro e sulla cultura. Ma non riempiendo i ragazzi di parole vuote, bensì offrendo loro opportunità concrete. Migliorare i progetti di alternanza scuola-lavoro, che devono offrire immediate occasioni professionali ai ragazzi per allontanarli dalla strada. Investire sulle esperienze culturali formative, penso all’esempio del Nuovo Teatro Sanità a Napoli, un modello di inclusione dei giovani a rischio, positivo, da imitare e supportare"

La vostra posizione riguardo il fenomeno migratorio verso l'Italia. 

"Ammiro molto il ministro degli Interni Minniti e sposo in pieno la sua linea che è quella dell’accoglienza realista e non emotiva. Non si può scaricare l’intero problema sull’Italia: si deve agire sui luoghi da cui l’immigrazione parte, come Libia e Niger, e pretendere dall’Europa nuove regole che diano a tutti gli Stati membri doveri di accoglienza"

In caso di ingovernabilità, voterebbe un Governo di larghe intese?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mi rifaccio a quanto ribadito più volte da Matteo Renzi: non si scende a patti con gli “estremisti”, l’Italia ha bisogno di governabilità ma soprattutto che questa nasca da forze moderate. E’ per questo che credo sia più importante oggi, a pochi giorni dal voto, che il Pd non discuta di larghe intese ma si spenda ogni secondo per convincere gli indecisi".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento