Napoli City Half Marathon, si corre regolarmente

Dopo l'allarme delle ultime ore per i casi a Nord, passati a setaccio gli elenchi dei partecipanti. Per 22 è decorso il periodo di quarantena. A due atleti, provenienti dai comuni a rischio, è stata comunicata l'impossibilità a prendere parte alla manifestazione

La Settima edizione della Napoli City Half Marathon-NCHM il 23 febbraio  si correrà regolarmente con partenza alle ore 9.00 da viale Kennedy e ritorno dopo circa 3h in cui i runners attraverseranno la città.

Mentre aumenta di ora in ora l'allarme per il focolaio epidemico di Coronavirus nel Nord Italia, gli organizzatori della gara podistica partenopea  informano infatti di preso i provvedimenti necessari a garantire la sicurezza dei partecipanti. In particolare, in ottemperanza alle disposizioni del Ministero della Salute e di concerto con gli organi competenti, l'organizzazione della gara ha incrociato i dati dei suoi iscritti con quelli della mezza maratona internazionale delle due Perle di Santa Margherita Ligure (Genova) svoltasi il 2 febbraio scorso nel quale si è verificato il caso del runner contagiato dal Coronavirus: sono risultati partecipanti alla NCHM 22 atleti che hanno preso parte anche all'appuntamento ligure. La Asl ha però rassicurato che, essendo trascorsi più di quattordici giorni dall'evento, e non avendo manifestato alcun sintomo, non esiste alcun rischio per i runners presenti a Napoli che comunque l'organizzazione sta contattando.

In ottemperanza alla delibera della Regione Lombardia che ha impedito ai residenti di dieci comuni lombardi di partecipare ad "attività ludiche e sportive", si è provveduto ad un ulteriore screening delle liste partecipanti che ha individuato 2 residenti di questi comuni iscritti alla Napoli City Half Marathon: è stata loro annunciata l'impossibilità alla partecipazione.

"Il nostro obiettivo è sempre quello di garantire la massima sicurezza possibile agli atleti - afferma Carlo Capalbo, presidente di Napoli Running - per questo motivo, di concerto con le autorità competenti e ottemperando alle loro direttive, stiamo mettendo in campo tutte le misure atte a prevenire e nello stesso tempo a rassicurare una corretta gestione della gara".

GARA

Straordinari i tempi dei vincitori della 7^ Napoli City Half Marathon, gara insignita del Bronze Label World Athletics, partita alle 9 in punto da viale Kennedy e arrivata sullo stesso viale dopo aver portato migliaia di runners in giro per 21,097km nei luoghi più belli e iconici della città. 

Sfuma di pochissimi secondi il sogno degli organizzatori di rompere il muro dell’ora, l’impresa è solo sfiorata dal keniano Henry Rono (Team RunCzech) che vince la Napoli City Half Marathon in 1h00’04” che vale come nuovo primato della gara e primato personale di questo giovanissimo atleta che ha un grande futuro davanti a sé. Cancellato il 1h00’12” fatto nel 2018 dal connazionale Abel Kipchumba, oggi splendido in 2^ posizione con un 1h00’35”. Podio tutto di matrice keniana grazie a Evans Kipkorir Cheruiyot che arriva appena dietro in un altrettanto velocissimo 1h00’42”. Primi nove posti tutti di estrazione africana e decimo posto con l’estone Roman Fosti che ha terminato in 1h05’23”. Primo italiano al traguardo di questa Napoli City Half Marathon è Francesco Quarato (Team Pianeta Sport Massafra) che si è piazzato 15° in 1h09’35” migliorando il primato personale di circa un minuto.

Henry Rono  era alla sua quinta mezza maratona avendo debuttato a livello internazionale alla fine del 2018: “Siamo passati al 10km in 28’00”, al 20km in 56’59”, ho dato tutto anche nella galleria in salita nel finale, ho spinto al massimo, tornerò e sono sicuro che finirò sotto l’ora. Sono rimasto da solo dal decimo chilometro, avessi avuto un avversario con cui battagliare forse ce l’avremmo fatta”.

Gara femminile che rimarrà nella storia della Napoli City Half Marathon e delle mezze maratone del mondo. 1h06’47” è il tempo finale della keniana Viola Cheptoo che dimostra con questo tempo il percorso di Napoli è davvero velocissimo oltre che splendido. Nuovo primato della gara battuto di quasi due minuti, record che era di 1h08’38” fatto nel 2018 dalla Eshete Shitaye. Seconda mezza maratona di sempre sul suolo italiano per questa ragazza che nel 2016 ha partecipato alle Olimpiadi di Rio in pista nei 1500 metri e oggi ha debuttato sui 21,097km: “Adoro sempre di più correre su strada rispetto alla pista, questa città e questa gara me la ricorderò per sempre. L’avevo detto ieri, mi sentivo di poter correre su questi tempi e so che posso fare ancora meglio”.

Podio femminile che racconta di internazionalità e di alto livello, 2^ è l’etiope Birho Adhena Gidey con uno splendido 1h07’57” oggi all’esordio, terza è la sudafricana Glenrose Dimakatso Xaba che chiude in 1h09’30”, anche lei al primato personale (1h09’47” il precedente) sulle strade partenopee.

Prima italiana, nona assoluta, la pugliese Rosalba Console (Fiamme Gialle) in 1h17’11”, molto emozionata al traguardo: “E’ stata per me una gara intesa come allenamento, non ho la preparazione dei giorni migliori. Ma era importante esserci per diversi motivi. Intanto era più di un anno che non mettevo un pettorale, il 2019 è stato un anno difficile con due gravi infortuni. Qualche mese fa è mancato anche mio padre, questa gara è dedicata a lui che mi ha sempre seguito ovunque. Questo 2020 credo che sarà il mio ultimo anno di carriera agonistica, vorrei godermelo al meglio con tante gare per lasciare con il sorriso. I momenti più belli della mia carriera sono stati il 2° posto alla Maratona di Parigi e l’aver fatto due Giochi Olimpici. Oggi ho voluto anche esserci perché ho partecipato per il Trofeo Napoli ConCORRE per la legalità promosso dalla Guardia di Finanza”.

Come sempre nel mondo del running tante le storie che parlano di vita, di riscatto, di inclusione e di energia positiva. Due su tutte quelle di oggi a Napoli. Gianni Sasso, il ‘leone di Ischia’ in gara come motivatore per un gruppo di persone alla loro prima esperienza, con le sue stampelle ha gareggiato in tranquillità ridendo e scherzando tra i tanti tifosi napoletani. Ha chiuso la mezza maratona in 2h48’52”. Grande prestazione anche di Lukáš Petrusek, un appassionato di corsa di origine ceca affetto da acondroplasia, una patologia congenita che gli ha impedito lo sviluppo corretto, alto solo 140 cm, ha tagliato il traguardo in 1h49’45” classificatosi in 1926esima posizione. Con 3h52’36” è il primatista mondiale di maratona per persone nane, ha corso nel 2019 ben 11 maratone e ha il sogno di arrivare a completarne 20 entro la fine di quest’anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento