Rilascio contrassegni h: le novità dalla Commissione Welfare

Le iniziative per rendere accessibile e migliorare il servizio che presenta diverse criticità

Con la partecipazione dell'assessore Roberta Gaeta, la commissione Welfare del Comune di Napoli ha esaminato le misure da adottare per migliorare il servizio di rilascio dei contrassegni H, finalizzati a consentire la sosta in città dei mezzi per il trasporto di cittadini con capacità di deambulazione sensibilmente  ridotta.

Il servizio attualmente viene erogato in via  Salvatore Tommasi, in  una sede difficilmente accessibile perché sprovvista di ascensori funzionanti.

A complicare la situazione, di questo come di altri  settori  del Welfare, il numero ridotto di addetti: bloccatosi il progetto per l'utilizzo della piattaforma informatica di ANM per l'istruttoria delle pratiche, il servizio viene oggi garantito con il supporto dei dipendenti della Napoli Servizi per le operazioni di  front-office e back-office.

Per risolvere la criticità Sara Chiarizzi, funzionaria del servizio Inclusione Sociale, ha annunciato che il Comune provvederà innanzitutto all'informatizzazione delle circa 28mila pratiche cartacee attualmente in archivio, con affidamento diretto tramite Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione, per un costo stimato in circa 35mila euro. Si procederà quindi all'acquisto di un software per l'informatizzazione delle procedure e il rilascio a vista (salvo i casi più complessi) dei contrassegni. E' inoltre in via di completamento la ristrutturazione della sede comunale di Vico Santa Margherita a Fonseca 19, dove il Servizio verrà trasferito.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

Torna su
NapoliToday è in caricamento