Auto: i dati del mercato nel 2020

I primi dati delle immatricolazioni auto in Europa. Quali sono i brand in crescita e quelli che perdono

Non sono confortanti i primi dati sulle vendite di auto nuove nel 2020: a gennaio, infatti, le immatricolazioni sono diminuite del 7,5% rispetto allo stesso mese del 2019. Nel complesso, nell’Unione Europea, le vendite sono diminuite dalle 1.034.407 unità del 2019 a 956.779.

A precipitare è innanzitutto la Francia, con una riduzione delle vendite del 13,4%. Germania e Regno Unito hanno perso entrambi il 7,3%, la Spagna il 7,4%. Decisamente meglio, invece, l'Italia con una contrazione "solo" del 5,9%.

Tra i marchi automobilistici, Volkswagen risulta il brand più apprezzato in Europa: con 254.872 nuove immatricolazioni di auto, il Gruppo tedesco ha perso infatti solo lo 0,4% rispetto a gennaio 2019. Al secondo posto troviamo PSA, che ha perso il 12,9%, seguito da Renault in calo del 16,3%. 

Notizie negative anche per FCA (-6.7%), per Alfa Romeo che accusa una riduzione delle vendite del 29,6%, Mercedes e Smart (-10,4%) e Ford, che ha perso il 22,7%.

Decisamente in controtendenza invece  marchio BMW, che vede le vendite in aumento del 5,2% con 61.244 unità piazzate, e Toyota che registra un +12,2% con 60.355 nuove auto immatricolate.

Accessori auto: i più venduti sul web

AmazonBasics Rivestimento per sedile dell'auto

Organizer Bagagliaio Auto

Profumatore Umidificatore

Kit di Primo Soccorso

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento