Alberto Palladini aggredito nell'ultima puntata di Un Posto al Sole, fan raggelati

Molti spettatori sorpresi dal cambio di registro, ma c'è anche chi esulta: "Finalmente un po' di sana violenza"

(frame dell'aggressione, pagina Facebook Un Posto al Sole)

Ha avuto risvolti inattesi la storia di Alberto Palladini, storico personaggio di Un Posto al Sole, interpretato da Maurizio Aiello. Ieri l'attore partenopeo aveva preannunciato una puntata con i fiocchi ("Altro che Gomorra") e in effetti in molti sono rimasti senza parole dopo aver visto la scena di un'aggressione ai danni di Palladini.

Aiello: "Questa sera puntata matta"

Un cambio di registro che, però, non a tutti è piaciuto. Alcuni commenti negativi sono arrivati sulla pagina facebook di 'Un posto al Sole': "Un orrore questa evoluzione del personaggio di Alberto. Ha un carattere discutibile ma non è giusto trattare così uno dei pilastri della serie", si legge. Oppure: "Non mi aspettavo una scena così crudele, troppa cattiveria". 

C'è anche chi ha invece premiato la scelta degli autori: "Finalmente un po' di buona e sana violenza. Con tutto quel buonismo mi era venuto il diabete", scrive uno spettatore. "Chi segue Upas da tempo sa che tratta sempre argomenti vicini alla realtà, così è anche per le storie di camorra o di violenza". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Coronavirus, il bel gesto del portiere napoletano Sepe: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

Torna su
NapoliToday è in caricamento