Coronavirus, lite in tv tra il comico Peppe Iodice e il giornalista Peppe Iannicelli

In diretta su Canale 21 il litigio: "Non capisco perché parlare di pallone in questo momento", dice ironicamente il comico. Il giornalista Iannicelli si dice offeso: "Abbiamo lavorato per ore a questa trasmissione"

(foto di repertorio)

Un acceso diverbio è andato in scena ieri sera, su Canale 21, durante l'ultima puntata di Campania Sport - condotta da Margherita Salemme, Umberto Chiariello e Peppe Iannicelli. Proprio quest'ultimo ha risposto duramente a quella che sembrava essere una battuta del comico Peppe Iodice, appena intervenuto via Skype. Iodice aveva chiesto, sorridendo, "Come state voi che parlate di calcio in questo momento?".

La domanda non è andata a genio a Peppe Iannicelli: "Ci sono fior fior di professionisti che da ore lavorano a questa trasmissione che parla di sport  e salute. Non le consento di screditarci", ha detto Iannicelli. Netta la risposta di Iodice: "Per me Canale 21 è una tv amica, mi avete chiamato per avere un contributo leggero e vi ho fatti entrare in casa mia. Chiariello ha una cosa preziosa che può aiutarci a sconfiggere questo male, che è il senso dell'ironia che Iannicelli evidentemente non ha". 

Dopo qualche minuto di ulteriori scambi al vetriolo il collegamento è stato interrotto. "Solitamente finisco sui social per le mie battute. Non voglio finirci per un litigio con una persona che non conosco e non voglio conoscere", ha chiosato Iodice. "Condivido l'augurio di non conoscerla", ha aggiunto Iannicelli. La conduttrice Margherita Salemme ha cercato di voltare pagina per proseguire la trasmissione. 

La nota di Peppe Iodice

"In queste lunghe giornate di quarantena sto cercando di sforzarmi (perché anche per me non è un momento semplice, pieno di pensieri e preoccupazioni) per mettere a disposizione di chi mi vuole bene quel poco, pochissimo che so fare. Ieri ho accettato l’invito di persone amiche e ho sbagliato. Mi avevano chiamato chiedendomi di fare, per pochi minuti quel poco, pochissimo che so fare. Alleggerire.
Li ho fatti entrare a casa mia ed ho sbagliato. A casa mia, a casa nostra, in questo momento non deve entrare nessuno. Chiedo scusa per quella scena indecorosa che mio malgrado sono stato costretto a subire e che comunque anche non volendo mi ha visto tra i protagonisti.
Non ho bisogno di questo tipo di visibilità, non voglio questo tipo di visibilità. Mai e soprattutto ora.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo momento c’è bisogno di aiuto, di mani tese, di sorrisi affettuosi. Ho capito che da ora in poi dovró stare ancora più attento a scegliere con cura gli interlocutori e gli amici. Fatelo anche voi ascoltando e guardando solo le cose che vi fanno stare più sereni.
Andrà tutto bene
". Lo scrive su facebook il comico Peppe Iodice

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel napoletano la spiaggia del sesso tra scambisti, la denuncia: "Succede di tutto"

  • Ricetta delle graffe napoletane con impasto a base di patate

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • Tragedia in spiaggia: uomo muore dopo un malore improvviso

Torna su
NapoliToday è in caricamento