Cimicifuga e agnocasto: cosa sono e perché sono importanti nella menopausa

Dalle piante un aiuto valido contro i disturbi più fastidiosi collegati a questa fase particolare della vita della donna

Ipertensione, ansia, variazioni dell'umore, vampate, sudorazione eccessiva, secchezza vaginale e gonfiore addominale sono sintomi frequenti in quella fase molto delicata della vita di una donna che è la menopausa. La carenza di estrogeni e progesterone che caratterizza questo periodo, infatti, tra l'altro, l’alterazione del sistema di termoregolazione, da cui la sensazione di calore improvviso e la sudorazione. Spesso, inoltre, va in tilt il ritmo del sonno ma anche del metabolismo dei grassi, e si registrano alterazioni della funzionalità cardiaca, neuronale e muscolo-scheletrica.
L’approccio farmacologico classico si basa su una terapia ormonale sostitutiva, a base di estrogeni e progesterone, che punta a ridurre i sintomi e prevenire l'osteoporosi. Se però la terapia farmacologica aumenta notevolmente la qualità della vita è anche vero che sono frequenti effetti collaterali come nausea e ipertensione oltre che l’aumento dell'incidenza di carcinoma all'utero ed alla mammella.
Accanto alla terapia classica della menopausa, sempre con la guida del medico di fiducia, è possibile ricorrere alla fitoterapia che consente di alleviare e gestire diversi sintomi. L'aiuto più efficace viene in particolare da due piante:

La Cimicifuga - Cimicifuga Racemosa 

Conosciuta comunemente come “erba delle donne”, la Cimicifuga è una pianta perenne, un'erbacea, che contiene glicosidi triterpenici: si tratta di sostanze con un’azione simile a quella della serotonina, molto importanti nel contrastare le disfunzioni neurovegetative premestruali e dismenorroiche, in particolare le vampate di calore tipiche della menopausa. La Cimicifuga tende inoltre a contrastare la perdita ossea minerale e riesce a ridurre i livelli ematici di LH, l’ormone luteinizzante, ma non quelli di FSH, l’ormone follicolo stimolante, e prolattina; .
Sono numerosi gli studi che confermano le capacità dei principi attivi di questa pianta nel ridurre i sintomi più fastidiosi della menopausa e in particolare 

  • vampate di calore;
  • sudorazione eccessiva;
  • cefalea;
  • irritabilità;
  • disturbi del sonno;
  • palpitazioni cardiache.

In linea di massima, la Cimicifuga non dà controindicazioni anche se non sempre  è ben tollerata a livello gastrico. Contenendo salicilati, inoltre, non deve assolutamente essere assunta da chi è allergico all'acido acetilsalicilico. In commercio si trova in tintura, tisana ed estratto secco che risulta dare i risultati migliori.

L'Agnocasto - Vitex agnus-castus

L'Agnocasto è una pian ta della famiglia delle Verbenacee. L'estratto ricavato dal frutto maturo inibisce la secrezione di prolattina mentre stimola quella dell'ormone luteinizzante e dell'ormone follicolo stimolante. 
Ha riconosciuti effetti antispasmodici e sedativi per i dolori intestinali ed addominali, come anche per contrastare irritabilità e ansia.
Viste le proprietà endocrine di questa pianta, deve essere utilizzata con particolare accortezza in caso di concomitanti terapie ormonali. Tra i possibili effetti collaterali collegati all'utilizzo sono segnalati nausea, mal di testa, disturbi gastrointestinali, acne, prurito ed eritema.

Altri rimedi naturali

Tutti i legumi,e in particolare la soia, sono utilissimi per contrastare i disturbi più diffusi collegati alla menopausa. 

La soia infatti, grazie alla presenza degli isoflavoni, lipidi ricchi di acidi grassi insaturi e saponine, abbassa il colesterolo e riduce le vampate di calore, i disturbi del sonno, l'irritabilità e la depressione; sembra, inoltre, da considerare unausilio nella prevenzione dei tumori al seno e all'utero.

Anche il Trifoglio rosso risulta essere utile nella prevenzione dell'osteoporosi, con effetti simili alla soia contro vampate e irritabilità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento