Partita IVA: cosa sapere

Come aprire la Partita Iva: gli adempimenti e gli uffici

La Partita Iva è un codice identificativo di 11 cifre che viene assegnato dall'Agenzia delle Entrate su espressa richiesta del contribuente:

  • le prime 7 cifre identificano numericamente il contribuente;
  • l'ottava, la nona e la decima cifra identificano l'ufficio IVA;
  • l'ultima cifra è generata automaticamente dal sistema di Anagrafe Tributaria e ha una mera funzione di controllo.

Se la Partita Iva deve essere utilizzata all'estero si trascrive facendola precedere dal prefisso IT che identifica il nostro Paese.

Nelle società il numero di partita IVA coincide con il codice fiscale tranne quando l'attività viene avviata successivamente alla costituzione o in caso di trasformazione.

Cosa significa avere una Partita Iva

Avere una partita Iva significa da un lato essere identificato come soggetto fiscale e dall'altro essere passibile dei diversi controlli previsti dalla Legge per la verifica del corretto adempimento di pagamenti e dichiarazioni.

Chi può avere la partita Iva

Possono avere la Partita Iva

  • residenti in Italia che avviano attività d'impresa, arte o professione,
  • non residenti che hanno nel territorio italiano una stabile organizzazione,
  • soggetti UE o extra-UE non residenti che non hanno una stabile organizzazione in Italia ma hanno nominato un rappresentante fiscale
  • particolari soggetti UE

Come richiedere la Partita Iva

Per ottenere la partita Iva dall'Agenzia delle Entrate

  1. professionisti appartenenti a un Ordine o a un Albo e esercenti lavoro autonomo non commerciale e non organizzato in forma di impresa devono presentare una Dia-dichiarazione di inizio attività all’Agenzia delle Entrate
  2. tutti gli altri soggetti devono obbligatoriamente iscriversi nel Registro delle imprese tenuto dalla Camera di Commercio competente per territorio, che assegnerà un codice ATECO, ovvero un codice che identifica la particolare attività svolta affinché sia classificata in modo standardizzato ai fini fiscali, contributivi e statistici. Contemporaneamente, sempre in relazione all’attività economica di riferimento, l’impresa deve denunciare l’Inizio attività al Registro Imprese/REA  e attivare una Pec.

Entro (e non oltre) 30 giorni dall'inizio dell'attività va quindi presentata richiesta all'Agenzia delle Entrate. La richiesta deve essere effettuata  compilando un apposito modello, scaricabile gratuitamente dal sito dell'Agenzia delle Entrate:

- AA7 per i soggetti diversi dalle persone fisiche;

- AA9 per gli imprenditori individuali e i lavoratori autonomi.

L'adempimento può essere svolto personalmente oppure incaricando un soggetto abilitato alla trasmissione telematica. 

La Partita Iva può essere richiesta presentando la documentazione di persona, agli sportelli, oppure telematicamente seguendo le procedure sulla piattaforma dell'Agenzia delle Entrate

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Potrebbe interessarti anche:

Visura camerale: cos'è e a cosa serve

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • "Smetta di fumare e metta la mascherina": in Circum passeggero manda capotreno in ospedale

Torna su
NapoliToday è in caricamento