Melograno: quante calorie ha e quando mangiarlo

Tutto quello che non sai sul frutto di stagione più trendy del momento

Simbolo di fortuna, abbondanza e fertilità, spesso nelle mani delle dee o dei santi, il frutto del melograno è conosciuto da secoli. Il nome scientifico è Punica granatum e deriva dal latino punicus: Plinio infatti credeva che fosse originario dell'Africa Settentrionale. Si trova ovunque vi siano estati calde e inverni miti: bacino del Mediterraneo, Caucaso, Americhe. I nomi utilizzati nelle varie regioni d'Italia per indicare il frutto del melograno, con la sua scorza dura color rosso-arancio contenente i succosi arilli rossi, tipico della stagione autunnale, sono davvero tanti: melagrana o mela granata, pomo ingranato, magragno, sital, rodi.  E altrettanto numerose sono le proprietà benefiche. Del resto radici, frutto e anche i fiori del melograno erano usati fin dal Rinascimento a scopi terapeutici: 

Benefici del melagrano

Il melagrano è un ottimo alleato per combattere l’influenza. Molto ricco di vitamina C e fenoli dalla forte azione antiossidante è utile per la prevenzione dai tumori ed è un valido ausilio contro i problemi legati alla menopausa.

Senza dubbio si tratta di un potente alleato per la funzionalità e la protezione di intestino, cuore, sangue, cartilagini.

Calorie e proprietà del melograno

Il frutto del melograno contiene 70 kcal ogni 100 g.

Il melograno spicca soprattutto per le sue qualità antiossidanti, essendo ricco di vitamina C e di numerosi fenoli come, ad esempio, acido gallico, granatina, punicacorteina, punicafolina, punicalina, delfinidina ed altri ellagitannini particolarmente attivi contro i radicali liberi.

L'abbondanza di acido punico (dal nome scientifico del melograno: Punica granatum), rende questo frutto particolarmente efficace come inibitore del cancro al seno.

Prima ancora che di vitamina C, è ricco anche di vitamina K, importante soprattutto per i bambini, oltre che da vitamine del gruppo B, A ed E.

Le proprietà attribuite a questo frutto sono molte: 

  • antiossidante;

  • antitumorale; 

  • anticoagulante;

  • antidiarroico;

  • astringente; 

  • gastroprotettivo;

  • idratante; 

  • antimicrobico;

  • antimicotico;

  • antibatterico;

  • vermifugo;

  • vasoprotettore.

Ottimo consumato fresco, mangiato da solo - con cucchiaino o pinzette -  è perfetto in abbinamento con macedonie o insalate di frutta e/o verdure e, soprattutto, spremuto o centrifugato.

A Napoli sono numerosi i locali e in particolare i chioschi specializzati nella preparazione di ottime spremute, centrifughe e frullati: da Piazza Dante - dove viene servito in abbinamento con agrumi come limoni o arance - a via Chiaia, dove non manca mai in aggiunta a macedonie e succhi, al Centro Storico e via Duomo, dove è servito in diversi locali bio, anche  in granita.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Fedeli afragolesi senza parole: le nuvole formano l'immagine del volto di Gesù

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

  • SKY - Mertens-Napoli, Gattuso sponsor per il rinnovo del belga

Torna su
NapoliToday è in caricamento