Oleandro: perché bisogna stare molto attenti a questa pianta

Rigorosamente da tenere lontano da cibi e bevande, rami secchi e foglie non vanno bruciati. Ecco perché

L'oleandro è una delle piante ornamentali più apprezzate e diffuse nel Mediterraneo. Cresce spontaneamente in prossimità dei corsi d'acqua ed è molto utilizzato per siepi e bordure. A Napoli si trova un po' ovunque, in particolare nei parchi  ed anche lungo le strade.

Sempreverde, si presta ad essere coltivato facilmente sia in giardino che in vaso su balconi e terrazzi. A partire dalla primavera e fino ad autunno inoltrato, regala grappoli di fiori - semplici o doppi e addirittura stradoppi, a seconda della varietà - profumati e coloratissimi, con corolle brillanti che vanno dai toni del bianco al rosa carico, rosso,giallo e albicocca.

Perché l'oleandro è una pianta pericolosissima

Questa pianta, che preferisce il clima temperato ma si adatta benissimo al gelo, si caratterizza per l'elevata tossicità. Tutta la pianta è tossica: rami, foglie e anche i fiori. In ogni sua parte, infatti, sono contenuti cardenolidi, cioè glicosidi cardioattivi in grado di agire sul ritmo cardiaco provocano aritmie di varia intensità e gravità.

Come si manifesta l'intossicazione da cardenolidi dell'oleandro

L’intossicazione inizialmente si manifesta con episodi di vomito, assolutamente da non cercare di fermare perché aiutano a ridurre l’assorbimento delle tossine. A distanza di tempo, poi, anche ore, si manifesta rallentamento del battito cardiaco e aritmie.

I cardenolidi dell'oleandro sono particolarmente potenti e, quindi, agiscono anche a basse concentrazioni.

Cosa fare in caso di avvelenamento

L’intossicazione da oleandro, se non viene trattata tempestivamente con l'apposito antidoto, disponibile presso i Centri Antiveleni degli ospedali, è potenzialmente mortale. I casi di intossicazione, in Italia, ogni anno, sono molto numerosi. Vittime non solo i bambini, portati ad avvicinare i fiori alla bocca, ma anche gli adulti

Come comportarsi se si ha un oleandro in giardino o terrazzo

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal momento che l'oleandro è una pianta ricca di sostanze tossiche ricordarsi di:

  • non usare questa pianta come combustibile per caminetti e barbecue né per spiedini etc: non sono rari i casi di intossicazione, sia pure lieve, da inalazione del fumo prodotto dalla combustione di rami e tronchi di oleandro
  • non utilizzare fiori, foglie o rametti come centrotavola o in prossimità di buffet
  • non bere e non utilizzare l’acqua in cui sono stati sistemati fiori di oleandro eventualmente raccolti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento