Voragini e consumo del suolo, il rapporto 2018: male Napoli

La città partenopea è la seconda in fatto di buche dopo Roma, e la prima in fatto di consumo del suolo prima di Milano. I dati del rapporto Ispra-Snpa "Qualità dell’Ambiente Urbano" 2018

Poco lusinghiero per Napoli il Rapporto Ispra-Snpa "Qualità dell’Ambiente Urbano" 2018, presentato stamane al Senato.

Incentrato sul tema suolo e strade, sottolinea pesanti fenomeni di sprofondamento e quindi di creazioni di voragini in numerose città italiane ed in particolare in quella partenopea.

Dopo Roma, infatti, è proprio Napoli la città che conta il maggior numero di voragini venutesi a creare dal 1960 al 2018 (agosto). Nel capoluogo napoletano ne vengono censite 562, ed è seguita al quarto posto da Cagliari (150) e da Palermo (72).

Tendenzialmente sono le città del Centrosud Italia quelle maggiormente interessate dal fenomeno. A Roma in particolare la situazione appare complicatissima, con 136 voragini venutesi a creare soltanto negli dieci mesi del 2018.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Napoli male anche per quanto riguarda il consumo di suolo. A livello di Città metropolitane, nel 2017 presenta insieme a Milano la percentuale più alta, 34,2% e 32,3% rispettivamente, mentre Palermo ha la percentuale più bassa con 5,9%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento