Da Napoli a Sanremo: aneddoti e curiosità dal massaggiatore del Festival

Il 25enne Alfonso Cirella, di Casoria, ha lavorato a Sanremo nell'hotel che ospitava la maggior parte dei cantanti in gara

Alfonso Cirella con Diletta Leotta

Alfonso Cirella ha 25 anni, ed è un massaggiatore e massoterapista professionista con uno studio a Casoria. Faccia pulita, professionalità, è stato tra i "protagonisti nascosti" dello scorso Festival di Sanremo. "Un'esperienza unica ed irripetibile", dice a NapoliToday.

"Tutto è iniziato il 2 dicembre quando sono stato selezionato tra i migliori 24 Massaggiatori d'Italia al Contest del Festival Di Sanremo 2020 organizzato dalla 'Scuola di Massaggi Professionali Diabasi'", racconta. "Ho vissuto così, con i miei occhi, la 70esima edizione del Festival", questo lavorando "presso il 'Miramare The Palace', un hotel a 5 stelle da sogno dove hanno alloggiato gran parte degli artisti del Festival".

Cirella li ha avuti a pochi passi, ha chiesto loro di scattare selfie, ha avuto la possibilità di massaggiarli nella "Luxury Massage Area". "Un'emozione indescrivibile, mi tremavano le gambe – racconta – sotto le mie mani sono passati Levante, Anastasio, Gabbani e il loro staff".

Il massaggiatore ha potuto anche avere la possibilità di conoscere i vari cantanti. "Il più riservato è stato sicuramente il vincitore della 70esima edizione di Sanremo, Diodato – ci racconta – Ho apprezzato moltissimo la sua "normalità", pre e post vittoria. Il più umile e carino, invece, è stato l'altro vincitorem di Sanremo Giovani, Leo Gassman... ma non dite di lui che è figlio e nipote d'arte altrimenti si arrabbia".

Non mancano nel suo racconto gli artisti che hanno maggiormente fatto discutere di sé. "Achille Lauro? Un essere mitologico che si aggirava per i piani dell'Hotel, sempre scortato ed in compagnia del suo fidato Boss Doms. Di un altro pianeta, avanti anni luce, ma sempre di fretta, era impossibile chiedergli la foto". "Un aneddoto molto simpatico è stato quando, mentre scattavo un selfie con Bugo, in lontananza si è sentito 'C'è Google!', e lui ha iniziato a sbroccare – ci spiega Alfonso Cirella – che ci crediate o meno, è successo qualche ora prima della celebre sera in cui lui ha lasciato il palco. Che fosse già successo qualcosa con Morgan prima?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il festival della simpatia lo vincono, invece, Le Vibrazioni ed I Pinguini Tattici Nucleari", conclude il massaggiatore, adesso ritornato finalmente alla sua routine partenopea e dai suoi clienti abituali. Meno vip, certo, ma per i quali la stima di Cirella è enorme: "Non vedevo l'ora di rivederli, hanno fiducia in me e nella mia straordinaria professione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento