Ceramica e musica per trasformare la vita dei minori a rischio

Sono state presentate in Consiglio regionale le attività ed i laboratori per i minori a rischio: i dettagli

Presentate in Consiglio regionale le attività ed i laboratori per i minori a rischio promosse dall'Ufficio del Garante per i diritti dei detenuti, grazie ai contributi stanziati dall’assessorato regionale alle politiche sociali.

“Queste iniziative – ha sottolineato il Garante, Samuele Ciambriello - sono una educazione alla speranza, una forza che impegna il presente dei ragazzi e li motiva a trasformare la loro vita".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiuso il laboratorio di ceramica durato tre mesi e realizzato presso il carcere minorile di Airola dall’Associazione alla promozione sociale "Tarita", a breve, nella stessa struttura, grazie al sostegno di un gruppo di volontari, inizierà anche un corso di musica. Presto, inoltre, saranno attivati specifici corsi di formazione, con qualifica professionale, promossi dalla Regione. Particolarmente commovente l'intervento in conferenza stampa della Direttrice dell’Istituto Minorile di Airola Marianna Adanti che, rivolgendosi ai ragazzi della struttura, ha detto: "Non siete abbandonati e mai lo sarete, non pensate mai una cosa del genere". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Startuppers: parte il corso 2020. On line ed aperto a tutti gli interessati

  • Esami di Maturità: ecco come si svolgeranno quest'anno

  • Planet life design: il nuovo corso di laurea inter-ateneo

  • Le linee guida nazionali per accedere a biblioteche ed archivi

  • Ragazzi e scuola digitale: come i giovani stanno vivendo la nuova didattica imposta dall'emergenza Covid

Torna su
NapoliToday è in caricamento