Emergenza in sala parto: si può imparare a gestirla con la simulazione ad alta fedeltà

Un corso basato sulla simulazione ad alta fedeltà per ridurre la mortalità neonatale e le patologie legate ad asfissia

Con il primo “Corso di simulazione computerizzato per la gestione delle emergenze in sala parto" arriva anche nel nostro territorio la formazione in medicina attraverso la simulazione ad alta fedeltà o “esperienza verosimile”.

Per l'insegnamento in campo medico si tratta di una vera e propria rivoluzione: consente infatti l’apprendimento in ambiente sicuro, cioè senza rischi per i pazienti e senza conseguenze psicologiche negative per i sanitari in caso di errore. 

Anche se potrebbe sembrare strano, l’aspetto più importante dell'insegnamento attraverso la simulazione ad alta fedeltà non è quello tecnologico - come ad esempio l'impiego di manichini controllati da un software - ma la possibilità per gli operatori di lavorare in team multidisciplinari prestando attenzione ad ogni processo ed interazione e di poter poi procedere ad un'analisi (debriefing) finalizzata a migliorare non solo i processi operativi del team e le capacità tecniche del singolo, ma anche fattori fondamentali che costituiscono la causa principale dell’errore umano in campo sanitario come competenze e capacità relazionali, organizzazione del team, comunicazione, gestione della leadership, conoscenza dell’ambiente operativo.

Il corso, organizzato dal Direttore della U.O.C. di Pediatria/Neonatologia/UTIN Raffaello Rabuano, si terrà questo venerdì presso l’Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli di Benevento, ed ha come obiettivo la preparazione del personale che assiste il neonato alla nascita, per ridurre la mortalità e la morbilità secondarie all’asfissia; far acquisire conoscenze teoriche e consolidare abilità tecniche nella rianimazione cardiopolmonare del neonato; far comprendere la tecnica dell’intubazione con cannula tracheale.

L’evento formativo, strutturato in 10 ore complessive, si caratterizza per una metodologia fortemente interattiva, con ampio spazio all'aspetto pratico ed è destinato a tutto il personale sanitario che presta assistenza al neonato in sala parto, in particolare medici anestesisti, pediatri, neonatologi, infermieri, ostetriche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tirocini retribuiti: si riparte. Nuove opportunità per circa 400 studenti universitari

  • Città della Scienza cerca 25 giovani per il suo "Creative Lab 2"

  • Diventare videomaker: dalla Regione un corso di 600 ore, retribuite

  • A Napoli la prima Academy d'Italia sul 5G

  • AAA ingegneri, architetti, esperti di statistica e scienziati cercasi

  • Clementino sale in cattedra alla Federico II

Torna su
NapoliToday è in caricamento