Mercadante: partono i corsi per lavoratori dello spettacolo

Pubblicato un bando per 25 posti al Corso di specializzazione per Macchinisti, Elettricisti e Direttori di scena. Rivolto a giovani dai 18 ai 35 anni, la domanda va presentata entro le ore 12:00 del prossimo 23 ottobre

Inaugurato oggi il nuovo anno accademico della Scuola di Teatro dello Stabile di Napoli diretta da Mariano Rigillo: 21 gli allievi-attori del corso, che parte con uno stage diretto dal regista Davide Iodice e andrà avanti fino a maggio 2020. 

Canto, recitazione, educazione alla voce, recitazione in versi, scherma, danza, educazione al movimento drammatico, dizione, drammaturgia napoletana, estetica del Teatro e storia del Teatro, gli insegnamenti di base cui si affiancano stage tematici diretti da registi e attori come Arturo Cirillo, Enrico Bonavera, Gilles Coullett, Lorenzo Salveti.

Da quest'anno, inoltre, la Scuola amplia le sue attività di specializzazione nel campo dei mestieri dello spettacolo dal vivo: contestualmente al varo del nuovo anno accademico, infatti, lo Stabile ha pubblicato un bando per l'accesso al Corso di Specializzazione per Macchinisti, Elettricisti e Direttori di scena, rivolto a giovani dai 18 ai 35 anni.

Il nuovo corso è a numero chiuso e prevede un massimo di 25 allievi per una durata è di 200 ore complessive, di cui 80 di teoria e 120 di affiancamento al lavoro di palcoscenico. Per tutte le informazioni clicca qui e per i dettagli su requisiti, modalità e termini di partecipazione, scarica il bando qui

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrovie dello Stato: online il bando 2020 per la Mobility Academy

  • Le 5 lauree più richieste nel 2020

  • Federico II: entra nel vivo la campagna elettorale per la scelta del nuovo rettore

  • Matrimonio perfetto, il corso della top wedding architect napoletana Sara D'Angelo

  • Cybersecurity, via alle iscrizioni al corso gratis della Federico II: in palio assunzioni e stage

  • Tirocini presso le sedi diplomatiche: online il bando

Torna su
NapoliToday è in caricamento