I Virtuosi di san Martino in "Totò che tragedia!"

Al Trianon Viviani, da venerdì 13 a domenica 15 aprile. ritornano i Virtuosi di san Martino con il loro ultimo spettacolo Totò che tragedia!. La “prima” alle 21.

Questo omaggio al principe della risata era stato presentato l’anno scorso, proprio nel teatro del popolo di Forcella, nell’àmbito della rassegna Totò: l’Arte e l’Umanità, promossa dalla Regione Campania e dalla fondazione Campania dei Festival, con cofinanziamento del Poc Campania 2014-2020, in occasione del cinquantesimo anniversario della scomparsa del grande artista.

I Virtuosi, che nel 2014 si sono aggiudicati il prestigioso premio Ciampi, lavorano sulla rivisitazione di materiale di repertorio, attingendo alla tradizione della canzone popolare degli anni Trenta in una formula che occhieggia alla musica “colta” e al teatro, tra avanspettacolo e opera.

Con una drammaturgia scritta da Roberto Del Gaudio, in Totò che tragedia! fanno il racconto di un doppio binario di dolore e di gioia, di parole e musica, sul quale si fonda il mito del principe de Curtis. Nello spettacolo, prodotto da Teatri uniti, i Virtuosi interpretano il repertorio del grande attore, scoprendone anche il mondo più privato e una storia sentimentale poco nota: il tormentato amore con la ballerina Liliana Castagnola, il cui tragico epilogo fa da contraltare alla potenza spettacolare di uno dei maggiori comici del Novecento.

Il punto di partenza è la militanza artistica di Totò nell’avanspettacolo e nella rivista; le sue frequentazioni con i De Filippo al teatro Nuovo di Napoli, e poi con Anna Magnani, Aldo Fabrizi, Nino Taranto e Mario Castellano, nella costruzione della sua personale macchina comica: il burattino, il cantante, l’attore, l’autore, facoltà virtuosistiche rivolte all’arte della risata. Ma dietro questa c’è l’uomo e la sua storia con Liliana, la sua “militanza sentimentale”.

Il quintetto dei Virtuosi di san Martino è composto dal cantante-attore Roberto Del Gaudio, il violoncellista Federico Odling, che ha curato anche le rielaborazioni musicali, il flautista Vittorio Ricciardi, il violinista Carmine Ianniciello e il chitarrista Carmine Terracciano.

Hanno collaborato all’allestimento dello spettacolo Lucio Sabatino per il disegno delle luci, l’assistente alla regia Victoria De Campora e il direttore tecnico Lello Becchimanzi.

Totò che tragedia! andrà in scena al teatro Trianon Viviani venerdì 13 e sabato 14 aprile, alle 21; domenica 15 aprile, alle 18.

Per informazioni, tel. 081 2258285.

Biglietti acquistabili presso il botteghino del teatro – aperto tutti i giorni: dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13:30 e dalle 16 alle 19; la domenica dalle 10 alle 13:30 – e nelle prevendite convenzionate riportate nel sito istituzionale www.teatrotrianon.org.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Teatro Bellini, tutti gli spettacoli della stagione 2019 - 2020

    • dal 11 ottobre 2019 al 17 maggio 2020
    • Teatro Bellini e Piccolo Bellini
  • Teatro Troisi, presentata la nuova stagione artistica

    • dal 10 ottobre 2019 al 26 aprile 2020
    • Teatro Troisi
  • Teatro Augusteo, spettacoli e concerti della stagione 2019/2020

    • dal 25 ottobre 2019 al 26 aprile 2020
    • Teatro Augusteo

I più visti

  • Tappa a Napoli per il Coca-Cola Christmas Village in sostegno di Banco Alimentare

    • 21 dicembre 2019
  • Mercatini di Natale a Napoli: magia, divertimento e tanti ospiti a Pietrarsa

    • dal 30 novembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa
  • #iovadoalmuseo: le 20 aperture gratuite del 2019 al Parco Archeologico dei Campi Flegrei

    • Gratis
    • dal 3 marzo al 26 dicembre 2019
    • Parco Archeologico dei Campi Flegrei
  • Cento grandi lupi invadono piazza Municipio: è la monumentale installazione di Liu Ruowang

    • dal 14 novembre 2019 al 31 marzo 2020
    • Piazza Municipio e zona antistante Castel Nuovo (Maschio Angioino)
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento