homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius epifaniacarnevalesan-valentinofesta-donnafesta-papapasqua1-maggiofesta-mammaferragostohalloweennatalecapodannochildrenlocation-maps

Virginia Raffaele in “Performance”. Tutto esaurito per la quattro giorni napoletana

Al Teatro Cilea di Napoli dal 17 e fino al 20 la strepitosa Virginia Raffaele, che regista per tutti e quattro i giorni il tutto esaurito. Uno spettacolo teatrale, per la regia di Giampiero Solari, nel quale, per la prima volta, Virginia Raffaele porta nei teatri le sue maschere più popolari: Ornella Vanoni, Belen Rodriguez, il Ministro Boschi, la criminologa Bruzzone e tante altre ancora. Donne molto diverse tra loro, che tra arte, spettacolo, potere e politica sintetizzano alcune delle ossessioni ricorrenti della società contemporanea: la vanità, la scaltrezza, la voglia di affermazione e, forse, la scarsa coscienza di sé. Il tutto raccontato attraverso la lente deformante e irriverente dell’ironia e della satira, tipici elementi che compongono lo stile di Virginia Raffaele.

I personaggi monologano e dialogano tra loro, anche grazie alle proiezioni video, in un gioco di specchi e di rimandi. Qua e là, tra le maschere, in scena appare anche Virginia stessa, che interagisce con le sue creature, come una sorta di narratore involontario che poeticamente svela il suo “essere - o non essere ”. La musica in scena fa da punteggiatura allo spettacolo, accompagnando i personaggi nelle loro performance, sottolineandone i movimenti, enfatizzandone le manie; conferendo alla spettacolo un ritmo forsennato nel cui vortice i personaggi, Virginia e le varie chiavi di lettura si confondono creando una nuova realtà, a volte folle a volte melanconica: quella dello spettacolo stesso.



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Potrebbe Interessarti

    • Parte il cinema all'aperto al Parco del Poggio

      • dal 2 giugno al 1 settembre 2016
      • Parco del Poggio
    • Brividi d'estate: teatro, musica e giochi. Il programma della XVI edizione

      • dal 24 giugno al 2 ottobre 2016
      • Real Orto Botanico di Napoli
    • Napoli Pizza Village 2016

      • dal 6 al 11 settembre 2016

    I più visti

    • Parte il cinema all'aperto al Parco del Poggio

      • dal 2 giugno al 1 settembre 2016
      • Parco del Poggio
    • Brividi d'estate: teatro, musica e giochi. Il programma della XVI edizione

      • dal 24 giugno al 2 ottobre 2016
      • Real Orto Botanico di Napoli
    • Napoli Pizza Village 2016

      • dal 6 al 11 settembre 2016
    • Campania by night. Archeologia sotto le stelle: percorsi notturni in 5 straordinari siti

      • dal 22 luglio al 17 settembre 2016
      • Scavi Archeologici
    Torna su
    NapoliToday è in caricamento