I Templari di Napoli: sette giorni tra storia, visite ed esposizioni a ingresso gratuito

Da sabato 23 febbraio a sabato 2 Marzo , una settimana di Incontri, Storia, Visite e Mostra dedicata all'Ordine dei Cavalieri Templari, organizzata dalla Confraternita Internazionale di Volontariato dell'Ordine dei Cavalieri Templari Cristiani Jacques De Molay - Poveri Cavalieri di Cristo situati a Napoli presso la Chiesa di Santa Maria Coeli San Gennaro in Vico Molo alle due Porte, 11, all'Arenella.

La manifestazione gode del Patrocinio del Comune di Napoli, dell'Accademia Partenopea Federico II e dell'Accademia delle Culture e Scienze Internazionali. Il programma molto variegato come ci illustra il Gran Priore Templare di Napoli Fr. Massimo Maria Civale ospiterà numerosi ricercatori, storici, giornalisti e non solo appassionati del mitico Ordine Templare, tra di loro la Dr.ssa Laura Miriello ricercatrice e autrice di numerose pubblicazioni, l'Avv. Nino Aloi esperto di Templarismo a livello Internazionale, Padre Giorgio dell'Ordine dei Frati Cistercensi l'Ordine di San Bernardo di Chiaravalle Santo e Dottore della Chiesa cattolica, l'Avv. Nicola Gianpaolo Postulatore del Vaticano presso la Diocesi di Roma e tanti altri che saranno presentati durante la conferenza stampa di apertura della manifestazione. Quindi sette giorni di Visite, Incontri, Mostre e Storia.

Sabato 23 Febbraio alle ore 16.00 presso la Chiesa di Santa Maria Coeli San Gennaro Incontro dibattito e presentazione dell'Evento Settemino Templare, ingresso LIBERO, la cappella Templare di Santa Maria Coeli San Gennaro aperta dopo circa 75 anni restaurata dalla Confraternita Internazionale di Volontariato dell'Ordine dei Cavalieri Templari Cristiani Jacques De Molay, la stessa realizzata per i fedeli della zona nel 1644 dalla nobildonna Donna Isabella Di Costanzo. L'immagine dell'Altare della nostra Chiesetta Santa Maria Coeli e San Gennaro (la tela rappresenta San Gennaro che intercede presso la madonna e il bambino per la salvezza della sua città' dall'eruzione dell'Vesuvio del 16 dicembre 1631).Eretta nel Seicento da Isabella, erede di Cinzia Della Porta, figlia di Giambattista (nel frattempo morto già dal 1615), che aveva sposato Alfonso di Costanzo, la cui famiglia originaria di Pozzuoli era delle più importanti aristocratiche nell'allora Viceregno.

Domenica 24 Febbraio Ore 10.00 Visita Guidata nel sottosuolo di Napoli, nel 2014 sono state rinvenute altre 23 croci Templari, per un totale di 36, tutte di fattura dei Cavalieri Templari. Secondo alcuni il percorso è lo stesso riportato in un codice antico “nascosto” sul bugnato della chiesa del Gesù Nuovo, dove un tempo vi era la fontana egizia di Morfisia, la fontana dell’immortalità, alimentata dall’acqua del Sebeto. Senza contare che secondo alcuni la Pietrasanta era la pietra angolare del Tempio di Gerusalemme. Una pietra divina ricca di significati magici. Il che rende questo luogo davvero molto suggestivo…

Sabato 2 marzo dalle ore 9.30/18.30 presso la Chiesa di San Severo al Pendino in Via Duomo, 286 , la stessa fu fondata nel 1448, al posto delle rovine della precedente chiesa di San Maria a Selice, voluta dal Pietro Caracciolo, abate di San Giorgio Maggiore, che vi aveva edificato anche un ospedale.
Nel 1575 fu affidata ai frati Domenicani che, all’inizio del XVII secolo. Affidarono il progetto di restauro dell'architetto Giovan Giacomo di Conforto che la unì al monastero realizzato nell'adiacente Palazzo Cuomo. Quando i frati vennero allontanati dalla città nel decennio francese, la chiesa, tra il 1818 e il 1835, divenne sede dell’Archivio del Regno. In seguito la chiesa venne riaffidata di nuovo a dei religiosi, in particolare ai Frati Minori Osservanti che, nel 1845, affidarono un nuovo restauro a Filippo Botta. Di nuovo, però, nel 1863 i religiosi vennero espulsi e, in seguito, durante il Risanamento la chiesa fu privata della facciata (sostituita da una nuova in stile neorinascimentale) e accorciata fino a perdere anche le prime due cappelle laterali,
All'interno troviamo il Monumento Sepolcrale di Gianalfonso Bisvallo, opera di Girolamo d’Auria del 1617, dal quale è stato trasferito nel transetto destro il dipinto raffigurante San Giovanni Battista, un rilievo in terracotta dello stesso artista che rappresenta Santa Maria a Selice e un dipinto di Luca Giordano sull’altare maggiore. Mostra Espositiva Templare da parte degli Artisti Ernando Venanzi ed eduardo Grecò che illustrerà il libro Templare più grande del Mondo.

Per informazioni : 334.5383209 oppure email: cavaliericristiani@libero.it.

L'ingresso è totalmente GRATUITO per tutti gli eventi

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • 25 aprile a Napoli: gli appuntamenti in città

    • 25 aprile 2019
    • Napoli
  • Arriva a Napoli il "Lezioni di Storia Festival"

    • dal 25 al 28 aprile 2019
    • Teatro Bellini, Liceo Antonio Genovesi, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Madre · museo d’arte contemporanea Donnaregina, Accademia di Belle Arti, Conservatorio San Pietro a Majella
  • #CUOREDINAPOLI: appuntamento con la quinta edizione ai Quartieri Spagnoli

    • Gratis
    • 4 maggio 2019
    • Quartieri Spagnoli

I più visti

  • Sogno d'Amore, a Napoli la mostra di Marc Chagall

    • dal 15 febbraio al 30 giugno 2019
    • Basilica della Pietrasanta – Lapis Museum
  • A Napoli la mostra interattiva su vita, macchine e opere di Leonardo da Vinci

    • dal 1 dicembre 2018 al 30 giugno 2019
    • Cripta del Complesso Monumentale Vincenziano
  • Torna la sagra "'A Purpett' ra' Nonna": cuoppi di polpette, musica e tanto divertimento

    • dal 11 al 12 maggio 2019
    • via Palazzuolo a Scisciano
  • Streghe a Napoli: viaggio nel mondo oscuro della stregoneria tra janare e demoni

    • dal 23 marzo al 18 maggio 2019
    • Centro antico Napoli
Torna su
NapoliToday è in caricamento