La nostra Banda suona sul web: lezioni online per il progetto Canta Suona e Cammina

300 ragazzi in rete per Canta, suona e cammina. Tutorial e lezioni online per non fermare il progetto della Scabec

Sono circa 300 i ragazzi del progetto "Canta, suona e cammina" che continueranno le loro lezioni di musica e si esibiranno tutti insieme, anche se al posto del palcoscenico ci sarà la piazza virtuale del web.

Da oggi e per tutto il periodo di durata delle misure speciali contro la diffusione del Coronavirus Covid19, i ragazzi saranno seguiti a distanza, sia dai loro maestri di musica che dai tutor e potranno esercitarsi su un brano, realizzeranno il video della loro performance, chiederanno nelle chat e sui social consigli e indicazioni. E quando finalmente saranno pronti, ogni singola esibizione verrà ripresa e montata con le altre, per un concerto della Banda più grande del Web

A spiegare l'iniziativa ai ragazzi, attraverso lo strumento dei social (da facebook a instagram) è un video realizzato dalla Scabec, che con la Fondazione Fare Chiesa e Città, organizza e promuove questo progetto della Regione e della Curia di Napoli che da oltre cinque anni accompagna in un percorso di crescita culturale i ragazzi tra gli 8 e i 15 anni di quartieri della periferia, dove fenomeni di evasione scolastica e di microcriminalità sono molto diffusi. 

Nel video, montato da Rossella Grasso, il direttore progetti della Scabec Francesca Maciocia, il direttore e curatore scientifico del progetto Maestro Eugenio Ottieri, il coordinatore delle attività Massimo Ricchiari spiegano ai ragazzi modalità e ragioni di questa iniziativa e Caterina Piscitelli, dell'Ufficio Stampa Scabec, ha saputo con parole semplici e rassicuranti spiegare anche ai più piccoli  come difendersi da questo virus e come proteggere attarverso comportamenti responsabili le persone più fragili che ci circondano, in un momento così difficile per tutti. 

I 300 ragazzi di Canta, suona e cammina sono stati selezionati secondo una predisposizione alla musica e una attitudine agli strumenti da banda e afferiscono alla Parrocchia di Santa Caterina a Formiello, Porta Capuana, alla Parrocchia di Santa Maria della Misericordia a Porta Grande, Capodimonte, alla Parrocchia di Maria Santissima del Buon Rimedio, Scampia, alla Parrocchia Sant'Antonio da Padova, Barra, alla Parrocchia di San Giuseppe e Madonna di Lourdes, San Giovanni a Teduccio, alla Parrocchia di San Michele Arcangelo, Afragola (Salicelle), alla Parrocchia di Santa Maria del Popolo, Torre del Greco-Ercolano e al Centro Educativo Bartolo Longo del Santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei.

Ognuno di loro ha ricevuto gli strumenti musicali dalla Regione Campania e attraverso i maestri, gli educatori e i parroci hanno iniziato il percorso di apprendimento, finalizzato alla realizzazione di concerti ed eventi presso i territori o location dall'elevato valore storico, artistico e culturale.

"Canta, suona e cammina" è un progetto di conoscenza e di valorizzazione della musica colta e popolare e della tradizione napoletana, attraverso i luoghi simbolo di questa eccellenza. L'iniziativa è finanziata dalla Regione Campania nell'ambito del Poc Campania 2014-2020.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Tutte le info su www.cantasuonaecammina.it
FB cantasuonaecammina
Twitter@cantasuonaecammina
#cantasuonaecammina

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • "Smetta di fumare e metta la mascherina": in Circum passeggero manda capotreno in ospedale

  • De Luca: “L'epidemia è dietro l'angolo. Noto un pericoloso rilassamento”

Torna su
NapoliToday è in caricamento