#iorestoacasa, ma la musica non si ferma: lezioni via web con la Popolart

A lezione di musica via skype e Youtube con l'associazione musicale napoletana Popolart, presieduta da Francesco Cocco

Circolano in queste ore sui social delle foto di piccoli disegni, fatte principalmente dai bambini, su cui c’è scritto “Andrà tutto bene”. Il mondo intero sta vivendo un momento particolare della sua storia e a tutti noi è stato chiesto di restarcene a casa, in attesa. 
In attesa che il futuro migliori, in attesa che il verbo “andrà” si trasformi in “va”. In questa attesa carica di speranza, una piccola ma solida associazione musicale napoletana, la Popolart, continua a lavorare.
La musica, si sa, non conosce confini e il presidente dell’associazione Francesco Cocco, ha fin da subito pensato che in questo momento così difficile tutti i suoi allievi ne avessero bisogno più che mai.
Detto fatto, il maestro Cocco ha trovato sin da giovedì 5 marzo 2020 (il DPCM del presidente Conte era stato emanato solo poche ore prima) il giusto compromesso tra linguaggio musicale e linguaggio virtuale: 3 account skype e subito tutti gli allievi son stati raggiunti dai vari maestri per l’attesa lezione, questa volta rispettando i metri di distanza. Da un attimo dalla vita offline a quella online. 

«Il risultato – commenta il maestro – è stato soddisfacente. E così, colto da grande responsabilità nei confronti innanzitutto degli allievi, delle loro famiglie e dei docenti che operano presso l'associazione che presiedo, lunedì 9 Marzo (prima ancora che uscisse alcuna ordinanza) ho ritenuto opportuno sospendere tutte le lezioni in sede anche quelle "allievo/maestro". Tutte le lezioni, da questo momento, sono passate in piattaforma Skype.»

Francesco Cocco però non si è fermato qui. L’associazione Popolart lavora infatti anche nelle scuole pubbliche e il maestro ha fatto presto a trovare una valida alternativa anche per loro.
«Mi son sentito telefonicamente con i dirigenti per proporre loro una soluzione, anche in questo caso, semplice ma efficace. Abbiamo così creato il profilo ufficiale Youtube della nostra associazione, Popolart e su questa pagina stiamo adesso pubblicando delle lezioni/tutorial
La risposta dei dirigenti alla proposta del maestro è stata immediata: i link del profilo di Popolart, infatti, sono stati subito riportati sui siti istituzionali delle varie scuole. Questo “progetto flash” ha visto la collaborazione insieme al maestro Cocco di tutti i docenti dell’associazione.
A unirli, in un momento così particolare, non solo l’amore per la musica ma l’entusiasmo per la diffusione di quest’ultima. 
E così, in ore in cui l’hashtag che spopola di più è diventato “iorestoacasa”, si aggiunge il motto del maestro Cocco, ovvero “La didattica non si ferma”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Questa pandemia ci rende protagonisti di un’emergenza ai limiti del surreale. – commenta infine Cocco – Ora più che mai abbiamo tutti bisogno di speranza.»
Grazie a questi piccoli ingegni carichi di speranza gli allievi della Popolart possono dedicarsi ancora di più alla musica che li raggiunge ovunque siano, qualsiasi cosa stiano facendo. Piccoli miracoli possibili non solo grazie alla tecnologia, ma soprattutto grazie a maestri della vecchia scuola che sanno mettersi in gioco e trovare nuovi metodi per dare non solo lezioni di pianoforte, canto e batteria, ma soprattutto lezioni di vita in un momento in cui la cosa più importante per tutti è tornare alla normalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • "Il virus sta perdendo forza. Possiamo guardare con ottimismo al futuro": l'intervista a Giulio Tarro

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento