Festa dei Gigli 2013, dal 23 giugno all'insegna della “Campana”

Si avvicina la tradizionale Festa dei Gigli di Nola: mostre ed eventi legheranno l'arte del presepe al Santo Patrono della città, a partire dal 23 di giugno

Una passata edizione

Sarà il simbolo della campana il comune denominatore delle manifestazioni legate alla prossima Festa dei Gigli di Nola, che entrerà nel vivo il 23 giugno. La selezione di ospiti, studiosi e artisti, infatti, sarà legata al cosiddetto "bronzo sonante": l'artista napoletana Franca Patriarca, esponente della prestigiosa Sede di Napoli dell'Associazione Italiana Amici del Presepio, ha realizzato numerose piccole sculture modellate in creta intorno alla sagoma di una campana. Si tratta del busto di San Paolino, santo protettore dei campanari, ripreso con fantasia dal logo della Corporazione.

Le opere saranno consegnate alle più alte autorità ecclesiastiche e civili ospiti a Nola nei giorni della Festa del Santo Patrono. Prevista anche una mostra fotografica, intitolata "La festa dei gigli: il presente antico della fede nolana", il cui allestimento sarà curato dall'associazione Comunitaria Rerum Novarum. Quest'anno la Corporazione del Giglio del Beccaio, rappresentata dalle famiglie Grilletto e Napolitano, si è impegnata a restituire alla Festa il suo carattere genuino, nel segno della chiarezza, della tradizione e del ritorno ai valori. Gli eventi a margine saranno delegati a enti come il Coordinamento Regionale della Confederazione delle Confraternite delle Diocesi d'Italia. Inoltre, don Luigi Merola è il curatore del "progetto legalità" ed Assistente Spirituale del Giglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento