"I Bastardi di Pizzofalcone", de Giovanni: "Abitiamo in una città di immensa bellezza"

"Non racconto nessuna Napoli, faccio narrativa. Non è colpa mia se i personaggi, per caso, per scelta o per fortuna, attraversano qualche bel panorama o passano davanti alla facciata di qualche meraviglioso palazzo. Non è colpa mia o loro, se abitiamo in una città capace di tanta immensa bellezza"

Maurizio de Giovanni

Grandissimo successo per la serie Tv "I Bastardi di Pizzofalcone" tratta dai romanzi di Maurizio de Giovanni. La fiction, con protagonisti Alessandro Gassmann, Massimiliano Gallo e Carolina Crescentini, ha tenuto incollati al piccolo schermo quasi 7 milioni di telespettatori per due giorni di fila.

La serie è interamente ambientata a Napoli, proprio come i best seller di de Giovanni. Una location mozzafiato, perché la città è così: mozzafiato. E proprio sulla rappresentazione della città (nei suoi libri, prima ancora che nella fiction), l'autore è intervenuto oggi con un bellissimo post su Facebook, cercando di chiarire un punto importante: che la "sua" non è una Napoli "antiqualcosa".

"Io - scrive de Giovanni - non racconto nessuna Napoli. Raccontare una città, cercare l'assurda impresa di penetrarne l'intima essenza, catturarne il DNA, stabilirne l'ineluttabile destino è materia di sociologi, psicologi di massa, storici, politici, religiosi, musicologi. Saggisti, insomma. Io faccio narrativa".

"Racconto storie - spiega ancora l'autore  - ambientate a Napoli. Storie di personaggi inventati, attraverso i quali non voglio lanciare alcun messaggio etico, non voglio indicare alcuna strada, non voglio parteggiare per nessuno in nessuna polemica. Racconto storie, sperando di fornire a qualche lettore (o a qualche telespettatore, adesso) qualche ora di immedesimazione in qualche altra vita. La narrativa è solo questo. Se poi qualcuno sente nascere dentro di sé qualche riflessione o qualche sentimento, tanto meglio o tanto peggio per lui.
E una volta per tutte: non è colpa mia se i personaggi, per caso, per scelta o per fortuna, attraversano qualche bel panorama o passano davanti alla facciata di qualche meraviglioso palazzo. Non è colpa mia o loro, se abitiamo in una città capace di tanta immensa bellezza".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

  • Lieto fine per il 30enne scomparso da Napoli: è stato ritrovato

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Agguato di camorra sui Monti Lattari: ucciso Antonino Di Lorenzo

Torna su
NapoliToday è in caricamento