"Prima vedere cammello", la conferenza stampa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

L'ASSOCIAZIONE CULTURALE "ARCHIVI CINEMATOGRAFICI"

HA IL PIACERE DI INVITARLA

ALLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO TEATRALE

 

PRIMA VEDERE CAMMELLO

di Peppe Lanzetta

 

Intervengono

Peppe Lanzetta

Jennà Romano

 

Saluti

Assessore alla Cultura Gaetano Bonelli

Assessore alle Politiche sociali Claudia De Magistris

 

 

Sabato 4 febbraio 2012, ore 10.30

Palazzo Merolla, Sala delle Conferenze

Marano di Napoli, Piazza Plebiscito

 

 

 

Sabato 4 febbraio alle ore 10.30, in occasione della messa in scena dello spettacolo teatrale "Prima vedere cammello" di Peppe Lanzetta, con Jenna Romano e Rosalba Di Girolamo, che si terrà il giorno 15 febbraio, ore 21.00, presso il Cinema Teatro Giancarlo Siani di Marano di Napoli (via IV novembre 36), l'Associazione Archivi Cinematografici, in collaborazione con il Comune di Marano di Napoli, organizza un incontro con lo scrittore e attore Peppe Lanzetta.

Per discutere dello spettacolo l'autore strutturerà un dibattito con il pubblico. Scopo della conferenza è il convolgimento della comunità e dell'associazionismo locale, primo motore di un cambiamento sociale difficile, necessario ma possibile.

In Prima Vedere Cammello, Lanzetta, utilizzando tipologie differenti di forme teatrali, dà vita ad uno spettacolo crudo, nudo, ironico e spietato nello stesso tempo, dettato dalla condizione sociale del momento storico in cui viviamo. Anime che si confondono, si confrontano, si fondono nel teatro, nella letteratura e nella musicalità di una città come Napoli tutta immersa nel percorso artistico di Lanzetta. La forza prorompente di un attore, scrittore e in questa occasione anche fine dicitore in musica, fusa alla ricerca musicale di Jennà Romano, che prosegue con un progetto discografico e multimediale che sarà edito nel prossimo anno. Monologhi esileranti amplificano la dimensione più surreale ironica e spietata di Lanzetta. Momenti estratti da "Infernapoli", il nuovo romanzo di Lanzetta (2011), e da "Ridateci i sogni" saranno invece interpretati, gridati e sussurrati da Rosalba di Girolamo. Infine una intensissima "Alla mia nazione" di Pasolini verrà interpretata da Lanzetta. Momenti unici fatti di rabbia, disincanto e di quella autoironia che esiste e persiste in quei posti che Lanzetta definisce Bronx napoletano.

Peppe Lanzetta è nato a Napoli nel 1956. Alla fine degli anni '70 esordisce nel cabaret all'Osteria del Gallo di Napoli con altri artisti partenopei. Esponente di un cabaret grottesco, surreale, "disumano", nel 1983 si fa conoscere con lo spettacolo "Napoletano pentito", con il quale si pone su un filone sociale e più precisamente affronta il tema dell'emarginazione; seguono "Bombatomica" e "Roipnol" (entrambi nel 1984), "Il vangelo secondo Lanzetta" (1986). Il confronto tra Secondigliano e New York sarà lo spunto per "Lenny", omaggio a Lenny Bruce in versione poetica (1988). Prima di apparire in tv, dedica alla fine di una storia d'amore sospesa tra un sì e un no "Caro Achille ti scrivo" , che debutta nel 1990. Lanzetta prosegue con "Caro Achille ti scrivo" (1990), "Il gallo cantò" (1993), "ll peggio di Lanzetta" (1993), "Tropico di Napoli" (1998), "Ridateci i sogni" (2001), "L'opera di periferia" (2006). Ha collaborato come autore di testi con vari musicisti tra cui, Edoardo Bennato, Tullio de Piscopo, James Senese, Enzo Avitabile e Franco Battiato. Attore, autore di soggetti cinematografici e regista di un cortometraggio, ha lavorato con registi come Piscicelli, Tornatore, Cavani, De Crescenzo, Loy, Martone, Asia Argento, Scimeca. Ha pubblicato con Baldini & Castoldi, "Incendiami la vita" (1996) e "Un amore a termine" (1998); con Paravia, "In gita a Napoli" (1997). Lanzetta, ha collaborato, come ospite, con la trasmissione televisiva "Samarcanda" di Michele Santoro (dal 1988 al 1989) e con il "Maurizio Costanzo Show" (dal 1989 al 1990). L'autore ha vinto il premio letterario "Domenico Rea" nel 2006 con il libro "Giugno Picasso" e, nel 2011, il premio "Frignano", con il romanzo "InferNapoli".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coordinamento dell'iniziativa Alessia Baldassarre

Info: 0815866557; 3284565444

 

Torna su
NapoliToday è in caricamento