Trasportatori di medicine licenziati: incontro in Regione

I lavoratori, autisti e facchini, del trasporto medicinali sono ormai da mesi senza lavoro a seguito della improvvisa chiusura della ditta di trasporti Lucio Montella Srl e delle due cooperative a essa collegate.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

I lavoratori, autisti e facchini, del trasporto medicinali sono ormai da mesi senza lavoro a seguito della improvvisa chiusura della ditta di trasporti Lucio Montella Srl e delle due cooperative a essa collegate. La Camera Popolare del Lavoro dell’ex Opg “Je so’ pazzo” e i dipendenti hanno presidiato gli uffici della Regione Campania del Centro direzionale e hanno ottenuto un incontro con lo staff dell'Assessorato al Lavoro. I lavoratori consegnavano medicinali a farmacie, ospedali, laboratori in tutto il territorio campano e oltre. "L'azienda per cui lavoravano ha chiuso i battenti da un giorno all'altro senza il benché minimo rispetto delle normali procedure di licenziamento e lasciando decine di famiglie (quasi tutte monoreddito) in mezzo a una strada" si legge in una nota dell'ex Opg.

L' incontro in Regione è stato interlocutorio, ma la speranza dei lavoratori è che i rappresentanti istituzionali tirino in ballo le grosse aziende committenti e le ditte fornitrici. "I lavoratori del trasporto medicinali e noi insieme a loro - prosegue la nota dell'ex Opg - siamo determinati a non cedere alla rassegnazione e a continuare la battaglia per il posto di lavoro e allo stesso tempo contro tutte quelle storture. "Nella giungla degli appalti vengono divorati solo i lavoratori".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

Torna su
NapoliToday è in caricamento