Centomila euro per la mappa 3D di Catacombe e Osservatorio: in campo gli archeologi dell'Orientale

Lo scopo è la creazione di un tour digitale che permetta a chiunque da qualunque parte del mondo di prendervi parte. A investire nel progetto è la Global Digital Heritage

È iniziata la mappatura delle Catacombe di S. Gennaro e dell’Osservatorio di Capodimonte per realizzare il modello 3D di questi storici luoghi di Napoli.
Lo scopo è la creazione di un tour digitale che permetta a chiunque da qualunque parte del mondo di prendervi parte.

L’iniziativa vede in campo un team internazionale coordinato dalla Global Digital Heritage (GDH), una ONG con sede negli Stati Uniti che ha finanziato il progetto, con la partecipazione di un team del Zamani project, che ha sede presso l'Università Sudafricana di Cape Town, in Sudafrica, e gli archeologi del Centro Interdipartimentale di Servizi di Archeologia dell’Università degli Studi di Napoli "L'Orientale", coordinati da Andrea D'Andrea.

GDH investirà oltre 100.000 euro nell’'iniziativa che non avrà alcun costo né per le catacombe né per l'osservatorio. Si spera che questa sia la prima fase di un più ampio progetto che comprenda l’intera area di Capodimonte. Al termine del lavoro i dati e i risultati ottenuti saranno resi disponibili gratuitamente.

Le catacombe, attualmente visitabili, si sviluppano su due livelli - tagliati nel tufo - di poco meno di 100 metri di lunghezza per circa 6.000 metri quadri di estensione. Sui corridoi principali e sui numerosi passaggi laterali, scavati secondo una struttura a reticolato, sono presenti nicchie e centinaia di deposizioni ricavate nel banco di pietra vulcanica. Alcune nicchie, appartenenti alle famiglie più importanti, recano ricche decorazioni con raffigurazioni ad affresco oppure a mosaico.

L’area da rilevare presenta numerose problematiche tecniche che derivano dalla naturale complessità dell’intervento, articolato su più livelli, e soprattutto dalla assenza di una diffusa luce solare per il carattere ipogeico delle sepolture. Il rilievo, eseguito da un team internazionale che comprende ricercatori provenienti da sei differenti paesi (USA, Italia, Sudafrica, Spagna, Germania, Repubblica di Mauritius) ha messo in campo una particolare tecnica di acquisizione per garantire velocità di ripresa, accuratezza delle geometrie e affidabilità delle restituzioni cromatiche.

Per il rilievo delle catacombe sono stati utilizzati quattro laser scanner, mentre per la restituzione tridimensionale delle nicchie decorate si è fatto ricorso ad una tecnica fotogrammetrica (close-range photogrammetry) che consente di restituire repliche a grande risoluzione, particolarmente utili per l’analisi dei dati cromatici degli affreschi e dei mosaici. Al termine della fase di acquisizione, i dati ottenuti dalle differenti tecniche impiegate verranno elaborati e integrati in un’unica nuvola di punti che rappresenta la replica digitale completa dei due livelli delle catacombe. La pianta estratta dal modello 3D potrà essere adoperata dagli archeologi per una più corretta analisi degli spazi, mentre l’intera replica, navigabile virtualmente, sarà messa a disposizione della cooperativa la Paranza onlus. Il lavoro di acquisizione terminerà lunedì prossimo.

PER APPROFONDIRE...

Global Digital Heritage (GDH) è un'organizzazione privata di ricerca e istruzione senza fini di lucro dedicata alla documentazione, al monitoraggio e alla conservazione del patrimonio culturale e naturale globale. La visualizzazione digitale, la virtualizzazione 3D, l'informatica geo-spaziale sono adoperate per sviluppare soluzioni di accesso aperto che forniscono dati digitali e modelli 3D a governi, istituzioni regionali, musei, studiosi locali e pubblico. Un elemento chiave della missione del GDH è la democratizzazione della scienza: rendere i dati liberamente disponibili al mondo a sostegno del patrimonio culturale, della gestione del patrimonio, dell'educazione, dell'accesso del pubblico, della ricerca scientifica e per migliorare le discipline umanistiche digitali. (Responsabile prof. Herbert Maschner)

Lo Zamani Project è un'organizzazione senza scopo di lucro e mira ad acquisire informazioni spaziali su siti del patrimonio culturale tangibile in Africa e in altre parti del mondo. Basato su campagne sul campo e complesse elaborazioni interne, il team crea set di dati che fungono da record digitali permanenti per le generazioni future. I dati acquisiti sono attualmente utilizzati per la ricerca, la conservazione, il restauro e la gestione del sito. (Responsabile prof. Heinz Ruther)

Il Centro Interdipartimentale di Servizi di Archeologia (CISA) è una struttura dell’Università degli Studi di Napoli "L'Orientale". Fondato nel 1992, il CISA supporta le missioni archeologiche dell’Ateneo fornendo consulenze nel campo della cartografia archeologica computerizzata multimediale e nel rilievo digitale 3D con laser scanner o tecniche di fotogrammetria terrestre e/o aerea. (Responsabili Prof. Bruno Genito e dott. Andrea D’Andrea).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Agguato davanti al garage di casa, ucciso un uomo a Napoli

  • Brusco calo termico anche al Sud, arriva il freddo invernale

  • Controlli alla tiroide, cuore, polmoni, fertilità e ginecologici: dove farli gratis a Napoli

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

Torna su
NapoliToday è in caricamento