Essere madre in Campania è più difficile che al Nord: il rapporto di Save the Children

Sono i dati che emergono dal secondo Rapporto sulla condizione materna in Italia, diffuso oggi – alla vigilia della Festa della Mamma – da Save the Children

Le madri campane hanno figli in età sempre più avanzata, impegni familiari che le costringono spesso a rinunciare al lavoro e al tempo libero, con un welfare che non riesce ad agevolarle.

È il difficile quadro che emerge dal secondo Rapporto sulla condizione materna in Italia, diffuso oggi – alla vigilia della Festa della Mamma – da Save the Children.

Secondo quanto raccolto da Save the Children, a seconda di dove si vive la scelta di diventare mamma può pregiudicare o meno la condizione sociale, professionale ed economica di una donna.

Il quadro generale del Paese appare infatti particolarmente squilibrato, tra regioni del Nord più virtuose e regioni del Sud in maggiore difficoltà. Come l'anno scorso il Trentino-Alto Adige è la regione “amica delle mamme” per eccellenza, davanti a Val d'Aosta, Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte. Chiude la Sicilia, con la Campania terzultima.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Lutto nel mondo della medicina napoletana, muore improvvisamente Paolo Mercogliano

  • Sacchi: "Nella difesa del Napoli solo Di Lorenzo si muove in modo organico e sinergico"

Torna su
NapoliToday è in caricamento