Turismo, Cantalamessa: "Follia aumentare l'Iva al 22% per le strutture ricettive"

"Questo governo è sempre più nemico del popolo e dei meridionali", denuncia l'esponente napoletano della Lega

"Questo governo è sempre più nemico del popolo e dei meridionali, di chi fa impresa e di chi crea sviluppo occupazionale. E' al varo dell'esecutivo una manovra che prevederebbe l'aumento dell'Iva nel settore turistico-ricettivo dall'attuale 10% al 22%. Una vera follia". Spiega Gianluca Cantalamessa, presidente regionale della Lega in Campania.

"Occorrerebbe varare percorsi con incentivi a scalare su chi investe nel turismo di qualità, rispetta le norme, crea occupazione e offre servizi in comuni con difficoltà economiche. Noi della Lega saremo al fianco, come sempre, di chi produce una sana ricaduta economica a cascata sui nostri territori, daremo battaglia in parlamento. Da Nord a Sud. In penisola sorrentina ma anche a Ischia, ancora ferita dal terremoto, o a Capri, si avrebbero forti ripercussioni negative, soprattutto nelle realtà insulari. Questo governo è sempre più lontano dalla vita reale, dalle esigenze delle persone e dai territori", sono le parole del politico ad AdnKronos.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Eruzione Campi Flegrei, simulata l'evacuazione anche a Napoli

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • La migliore pizza fritta del mondo è di Melito: per celebrare il titolo pizze gratis per tutti

  • Un Posto al Sole, anticipazioni: pesanti le accuse per Diego

  • Raffica di controlli al Rione Sanità: centinaia di persone identificate

Torna su
NapoliToday è in caricamento