“Isoliamoci”, il progetto sociale che riconsegna il mare ai napoletani

Due architetti partenopei, Paolo Di Martino e Barbara Visconti, hanno progettato un'isola composta da pontili galleggianti, che offre spazi relax, a contatto diretto con il mare, in assoluta sicurezza

Il progetto 'Isoliamoci'

“Isoliamoci” è un isola sicura che affaccia sul golfo di Napoli. È il progetto sociale, stagionale, creato da due architetti partenopei, Paolo Di Martino e Barbara Visconti, che hanno disegnato un isola composta da pontili galleggianti, che offre spazi relax, a contatto diretto con il mare, in assoluta sicurezza. 

“Isoliamoci... a Mappatella Beach ” - spiegano i due architetti- è uno sbocco sul mare, che dà la possibilità a tanti napoletani o turisti di poter vivere la città anche con i piedi a mollo”

L’idea nasce dalla combinazione di due necessità, la prima quella di riconsegnare il mare ai napoletani e la seconda quella di farlo in totale sicurezza, rispettando le distanze sociali imposte a causa del Covid- 19. 

“Dopo questi due mesi di “quarantena”- dicono i due professionisti- si è rafforzata maggiormente la necessità di libertà e di vivere all’aria aperta, concetto che si sposa appieno con quello di vivere il mare. Così il nostro stare a casa ha ispirato il progetto,  la nostra isola di relax, che dà la possibilità di godere  del panorama potendosi fare il bagno in tutta sicurezza”.

L’idea è semplice, si tratta di un pontile stagionale costituito con un sistema modulare di elementi galleggianti che consente un’accessibilità controllata e gestita in modo da creare flussi di utilizzo protetti e distinti,  senza perdere il concetto di muoversi in piena libertà. 

molo canoe-2
“Abbiamo pensato - dicono gli architetti - di collocare l’approdo alla Rotonda Diaz, da cui si accede, in quanto luogo storico per antonomasia nella stagione estiva, con la sottostante spiaggia più conosciuta per i napoletani come: “ Mappatella beach”. Il sistema prosegue perimetrando la scogliera ed aprendosi da ambo i lati verso il mare con 12 pontili sui quali sono ancorate le zattere attrezzate,  con circa 800 lettini, 400 ombrelloni e 300 scalette di accesso al mare, da cui godere del panorama mozzafiato, che la città ci offre”

ORTOFOTO OK-2

“Lungo i percorsi - spiegano ancora Visconti e Di Martino - sono previsti dei gazebo mobili adibiti a funzioni di accoglienza. Il pontile crea un importante landmark in grado di generare un notevole indotto economico in diversi settori a partire dai lavoratori stagionali fino alle attività commerciali e ricettive limitrofe. Il progetto ha un ottima  fattibilità poiché non invasivo ed adattabile a diverse tipologie di costa in quanto i pontili assemblati vengono ancorati al fondo tramite corpi morti e possono facilmente essere rimossi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due professionisti mettono a disposizione il progetto affinché l’amministrazione pubblica o un privato lo possa realizzare. Il mare è un bene democratico, è di tutti, riconsegniamolo ai suoi cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • "Smetta di fumare e metta la mascherina": in Circum passeggero manda capotreno in ospedale

Torna su
NapoliToday è in caricamento